Cefalo (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cefalo
Guérin-amouretomphale.jpg
Eos e Cefalo, olio su tela di Pierre Narcisse Guérin, 1810, Parigi, Musée du Louvre.
Nome orig.Κέφαλος
SessoMaschio

Cefalo (in greco antico: Κέφαλος) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Deioneo e di Diomedea, sposo di Procri, figlia di Eretteo[1].

E' considerato l'eponimo del demo di Cefale.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Cefalo era un uomo di grande bellezza e questo fece innamorare la dea dell'aurora Eos che lo rapì mentre stava cacciando.
Cefalo però non voleva tradire Procri, ma Eos insinuò nel giovane il dubbio che la stessa Procri era facile a tradirlo appena qualcuno le avesse fatto un regalo e per avvalorare la sua tesi lo trasformò in un'altra persona. Costui ne ebbe conferma quando, presentatosi a Procri con un regalo costoso che la dea gli aveva procurato, la donna accettò le sue avances e quando si accorse che il pretendente era il marito fuggì a Creta.

Cefalo ed Eos, di Nicolas Poussin (c. 1630)

A questa evidenza Cefalo abbandonò la moglie per cadere fra le braccia di Eos. Secondo Esiodo da questa unione nacque Fetonte[2][3].

Procri in seguito ritornò da lui ed due si riconciliarono andando a caccia insieme, ma sfortuna volle che Cefalo pensando di mirare ad un animale nascosto tra i rami colpì mortalmente Procri e condannato all'esilio per questo omicidio giunse a Tebe dove regnava Anfitrione che lo accolse e gli fece omaggio di un'isola che da allora venne chiamata Cefalonia.
Qui pare che un giorno colto dal rimorso per la fine di sua moglie si sia gettato in mare da una rupe[1].

Altre versioni e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Versioni minori ne fanno il figlio di Erse e Ermes dicendo che fu rapito da Eos e che da lui ebbe il figlio Titoneo in Siria.
Igino nelle Fabulae scrive invece che Procri lo rese padre di Arcesio[4].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eric M. Moormann & Wilfried Uitterhoeve, Miti e personaggi del mondo classico, Pearson Italia, 2004 ISBN 88-424-9972-2

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE131717715
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca