Cecilia di Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cecilia di Grecia e Danimarca
Princess Cecilie of Greece.jpg
Granduchessa titolare d'Assia e del Reno
Nascita Palazzo di Tatoi, Tatoi, Grecia, 22 giugno 1911
Morte Ostenda, Belgio, 16 novembre 1937[1]
Casa reale Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Assia-Darmstadt
Padre Andrea di Grecia e Danimarca
Madre Alice di Battenberg
Consorte Giorgio Donato, granduca ereditario d'Assia
Figli Principe Luigi
Principe Alessandro
Principessa Giovanna

Principessa Cecilia di Grecia e Danimarca (in greco: Πριγκίπισσα Καικιλία της Ελλάδας και Δανίας; Acharnes, 22 giugno 1911Ostenda, 16 novembre 1937) fu la moglie del Granduca Ereditario Giorgio Donato d'Assia e la sorella del Principe Filippo, duca di Edimburgo.

Nascita e ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Cecilia da ragazza.

Cecilia era la terzogenita e terza figlia femmina del Principe Andrea di Grecia e Danimarca e della Principessa Alice di Battenberg. Nacque il 22 giugno 1911 nella residenza estiva della famiglia reale greca a Tatoi, quindici chilometri a nord di Atene. Anche se il suo nome era Cecilia, era nota per la sua famiglia come Cécile.

Cecilia fu battezzata a Tatoi il 2 luglio 1911. I suoi padrini furono Re Giorgio V del Regno Unito, il Granduca Ernesto Luigi d'Assia, il Principe Nicola di Grecia e la Duchessa Vera di Württemberg.

Attraverso suo padre Cecilia era una nipote di Re Giorgio I di Grecia e di sua moglie la Granduchessa Olga Konstantinovna di Russia (una nipote dello Zar Nicola I di Russia). Attraverso sua madre era una bisnipote della Principessa Alice del Regno Unito (figlia della Regina Vittoria e di suo marito il Principe Alberto).

Cecilia ebbe tre sorelle: Margherita (moglie del Principe Goffredo di Hohenlohe-Langenburg), Teodora (moglie di Berthold, Margravio di Baden) e Sofia (moglie prima del Principe Cristoforo d'Assia e poi del Principe Giorgio Guglielmo di Hannover). Suo fratello Filippo, poi Duca di Edimburgo, è il marito di Elisabetta II.

Nel 1922 Cecilia e le sue sorelle furono le damigelle al matrimonio del loro zio, Lord Louis Mountbatten (poi Conte Mountbatten di Burma) con Edwina Ashley.[2]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

I due figli della Principessa Cecilia: i Principi Alessandro e Luigi.

Il 2 febbraio 1931 a Darmstadt Cecilia sposò Giorgio Donato, Granduca Ereditario d'Assia e del Reno. Ebbero quattro figli:

Nome Nascita Morte Note
Principe Ludwig Ernst Andreas d'Assia 25 ottobre 1931 16 novembre 1937 Ucciso in incidente aereo
Principe Alexander Georg Carl Heinrich d'Assia 14 aprile 1933
Principessa Johanna Marina Eleonor d'Assia 20 settembre 1936 14 giugno 1939 Morì di meningite.
Figlio nato morto[3] 16 novembre 1937 Nato morto in incidente aereo

Il 1º maggio 1937 Cecilia e suo marito aderirono al partito nazista.[4]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1937, il suocero di Cecilia il Granduca Ernesto Luigi d'Assia morì. Poche settimane dopo il funerale, suo cognato il Principe Luigi avrebbe dovuto sposare Margaret Campbell-Geddes a Londra.

Il 16 novembre 1937, Giorgio Donato, Cecilia, i loro due piccoli figli maschi e la madre di Giorgio Donato, la Granduchessa Eleonora, partirono da Darmstadt per Londra. L'aereo, un trimotore Junkers Ju 52 della compagnia aerea SABENA, colpì una ciminiera vicino Ostenda e precipitò in fiamme, uccidendo tutti coloro erano a bordo.[5] Cecilia era incinta di otto mesi[3] del suo quarto figlio al momento del disastro, e i resti del suo bambino furono trovati tra i rottami, indicando che Cecilia era andata in travaglio[6] o subito un trauma fisico sufficiente a provocare la nascita.

Cecilia fu sepolta con il marito, i due figli maschi e il bambino nato morto a Darmstadt presso Rosenhöhe, il luogo di sepoltura tradizionale della famiglia d'Assia. La figlia di Cecilia Johanna fu adottata dal Principe Luigi e dalla Principessa Margaret, morì due anni dopo di meningite e fu sepolta con i suoi genitori e fratelli.

Titoli, stili, onorificenze e stemma[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e stili[modifica | modifica wikitesto]

  • Sua Altezza Reale Principessa Cecilia di Grecia e Danimarca (1911–1931)
  • Sua Altezza Reale La Granduchessa Ereditaria d'Assia e del Reno (1931–1937)

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Cristiano IX di Danimarca Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
 
Luisa Carolina d'Assia-Kassel  
Giorgio I di Grecia  
Luisa d'Assia-Kassel Guglielmo d'Assia-Kassel  
 
Luisa Carlotta di Danimarca  
Andrea di Grecia  
Konstantin Nikolaevič Romanov Nicola I di Russia  
 
Carlotta di Prussia  
Olga Konstantinovna di Russia  
Alessandra di Sassonia-Altenburg Giuseppe di Sassonia-Altenburg  
 
Amalia di Württemberg  
Principessa Cecilia di Grecia e Danimarca  
Alessandro d'Assia Luigi II d'Assia  
 
Guglielmina di Baden  
Luigi di Battenberg  
Julia von Hauke Hans Moritz von Hauke  
 
Sophie Lafontaine  
Alice di Battenberg  
Luigi IV d'Assia Carlo d'Assia  
 
Elisabetta di Prussia  
Vittoria Alberta d'Assia  
Alice d'Inghilterra Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Regina Vittoria  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze greche[modifica | modifica wikitesto]

Dama Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia - nastrino per uniforme ordinaria Dama Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine del Leone d'Oro (Assia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine del Leone d'Oro (Assia)
Medaglia dell'incoronazione di Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione di Giorgio VI
— 12 maggio 1937

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Worldroots.com Archiviato il 14 agosto 2007 in Internet Archive.
  2. ^ David Duff, Hessian Tapestry (London: Frederick Muller, 1967), plate facing p. 352.
  3. ^ a b Greek Royal Family
  4. ^ Jonathan Petropoulos, Royals and the Reich: The Princes von Hessen in Nazi Germany (Oxford: Oxford University Press, 2006), 382.
  5. ^ "Germany: Curse of Hesse", Time magazine 29 November 1937.
  6. ^ Duff, 351-352.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316453374 · GND (DE1161431780
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie