Cazzare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cazzare: è il termine marinaresco che significa tesare una vela agendo, tirandola a sé, con la rispettiva scotta.

Viene anche impiegato per indicare l'azione di tesare una qualunque cima[1], ma in tal caso il termine corretto è "alare"[senza fonte].

Viene usato per eseguire quelle manovre che servono per la messa a segno delle vele; esempio: cazza la randa, cazza il fiocco, ecc. ... Essendo la scotta la manovra corrente che agisce nella regolazione della vela è anche corretto dire, cazza la scotta.

La decisione di cazzare o lascare una vela dipende della direzione e dell'intensità del vento, in modo da avere la parte dell'inferitura sempre parallela alla direzione del vento.

Solitamente il timoniere impartisce l'ordine "cazza!" (la randa/il fiocco) quando, dopo una variazione nella direzione del vento, vuol mantenere la stessa rotta, oppure per cambiare andatura e orzare.

Il contrario di cazzare è allascare.

Se si tesa un altro cavo si usa il termine alare un cavo e tutto il tessile che c'è in barca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cazzare, voce su dizionari.repubblica.it
Vela Portale Vela: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vela