Cayos Cochinos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cayos Cochinos
Cayos Cochinos Lighthouse view.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneMar dei Caraibi
Coordinate15°58′18.99″N 86°28′31.34″W / 15.971942°N 86.475372°W15.971942; -86.475372Coordinate: 15°58′18.99″N 86°28′31.34″W / 15.971942°N 86.475372°W15.971942; -86.475372
Superficie2 km²
Numero isole2 + 14
Isole principaliCayo Cochino Mayor
Cayo Cochino Minor
Geografia politica
StatoHonduras Honduras
DipartimentoIslas de la Bahía
ComuneRoatán
Demografia
Abitanti108 (2001)
Gruppi etniciGarifuna
Cartografia
Cayos cochinos.png
Mappa di localizzazione: Honduras
Cayos Cochinos
Cayos Cochinos
voci di isole dell'Honduras presenti su Wikipedia

Le Cayos Cochinos sono un gruppo insulare composto da due isole e quattordici isolotti corallini situati a circa 30 km a nord-est di La Ceiba sulla costa settentrionale dell'Honduras, la superficie totale ammonta a circa 2 km². Dal punto di vista amministrativo rientrano nel dipartimento di Islas de la Bahía e fanno parte della municipalità di Roatán. Al censimento del 2001 risultavano popolate da 108 abitanti.[senza fonte]

Le isole fanno parte di una riserva marina protetta e nel 2003 sono state dichiarate Monumento Natural Marino (decreto legislativo 114-2003[1]) e sono tutelate dalla Honduran Coral Reel Foundation, una società no-profit creata da investitori honduregni. La barriera corallina di cui fanno parte è la seconda per estensione a livello mondiale ed è nota come barriera corallina meso-americana.

Sull'isola di Cayo Menor è presente una stazione per la ricerca scientifica dotata di due laboratori per lo studio della fauna e della flora[2].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Come detto, la gestione della riserva è affidata alla Honduran Coral Reel Foundation che tra i suoi obiettivi dichiarati ha quello di preservare il territorio ma anche di incoraggiare forme di turismo che non abbiano un impatto negativo sull'ecosistema[3]. Tuttavia la popolazione locale, i garifuna, ha accusato le autorità che gestiscono le Cayos Cochinos di sfruttare il territorio e di danneggiare gravemente il sistema di vita degli abitanti. In particolare viene duramente criticata la scelta di limitare la pesca, da sempre attività di sostentamento primaria delle popolazioni locali, motivata con la necessità di preservare la barriera corallina ma contemporaneamente si accusano le autorità di favorire attività turistiche che comportano un elevato aumento delle emissioni di anidride carbonica e dell'inquinamento marino che danneggiano gravemente l'habitat della barriera[4].

Le proteste delle popolazioni indigene sono state represse con violenza dalla marina honduregna tanto che il 29 ottobre 2003 l'Organización Fraternal Negra Hondureña (OFRANEH) ha presentato una petizione alla Commissione interamericana dei diritti umani contro lo Stato dell'Honduras denunciando la violazione degli articoli 1, 8, 21 e 25 della Convenzione americana dei diritti umani a danno delle comunità garifuna di Triunfo de la Cruz, dei Cayos Cochinos (n. 1118-03) e di Punta Piedra[5]. Il 24 luglio 2007 la Commissione si è pronunciata in favore dell'ammissibilità della petizione presentata e ne ha disposto il passaggio alla Corte interamericana dei diritti umani[5].

Toponimi[modifica | modifica wikitesto]

Isole:

  • Cayo Cochino Grande o Cayo Cochino Mayor
  • Cayo Cochino Menor

Isolotti:

  • Cayo Arena
  • Cayo Balfate
  • Cayo Bolaños
  • Cayo Borrego
  • Cayo Chachahuate
  • Cayo Chachahuate II
  • Cayo Culebra
  • Cayo Gallo
  • Cayo Largo Abajo
  • Cayo Largo Arriba
  • Cayo Paloma
  • Cayo Redondo
  • Cayo Timón
  • Cayo Zacate

Media[modifica | modifica wikitesto]

Le isole sono il luogo delle edizioni del reality show italiano (ma anche di altre edizioni ad esempio l'edizione spagnola in onda su telecinco ma anche quello Messicano. ) de L'isola dei famosi in onda in italia su Canale 5.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Decreto No. 114-2003 (PDF)[collegamento interrotto], La Gaceta, diario oficial de la Republica de Honduras, 11/11/2003.
  2. ^ (EN) The Research Center Facility[collegamento interrotto], Cayoscochinos.org.
  3. ^ (EN) Management Plan - Program of conservation and the integrated management of natural resources[collegamento interrotto], Cayoscochinos.org.
  4. ^ (ES) Honduras - El derecho a la alimentación y la consulta de los garífunas, Ecoportal.net (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2010).
  5. ^ a b (ES) Comisión Interamericana de Derechos Humanos, Petición 1118-03, Admisibilidad, Comunidad Garífuna de Cayos cochinos y sus miembros VS Honduras, CIDH.org, 24/07/2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN236571765
Isole Portale Isole: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di isole