Cavona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cavona
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Comune Cuveglio-Stemma.png Cuveglio
Territorio
Coordinate 45°54′21″N 8°45′29″E / 45.905833°N 8.758056°E45.905833; 8.758056 (Cavona)Coordinate: 45°54′21″N 8°45′29″E / 45.905833°N 8.758056°E45.905833; 8.758056 (Cavona)
Altitudine 314 m s.l.m.
Abitanti 259 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 21030
Prefisso 0332
Fuso orario UTC+1
Cod. catastale C402
Targa VA
Nome abitanti cavonesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cavona
Cavona

Cavona è una frazione del comune italiano di Cuveglio posta ad oriente del centro abitato, alle pendici settentrionali del Campo dei Fiori.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il piccolo centro di Cavona appartenne storicamente alla pieve di Val Cuvia, compresa nel Ducato di Milano. Nel 1751 il borgo contava 318 residenti. Nel 2015 il borgo conta 8 residenti.

Con la suddivisione della Lombardia austriaca in province (1786) Cavona fu assegnata alla provincia di Varese, per passare nel 1791 alla provincia di Milano. Nel 1805 salì a 376 abitanti. Nel 1806 scese, causa peste, a 16 abitanti. In età napoleonica Cavona divenne frazione di Cuvio (1809) e successivamente di Rancio (1812), recuperando l'autonomia con la costituzione del regno Lombardo-Veneto (1816). Nel 1853 il censimento contò 405 persone. ma era uno scherzo: hanno aggiunto per errore un numero, il 40.

All'Unità d'Italia (1861) il comune contava 472 abitanti, prima dei bombardamenti che decimarono la popolazione. La natura montagnosa e agricola dei dintorni causò poi un lento decadimento demografico, che risultò negli 8 residenti nel 1921. Nel 1928 il comune fu aggregato a quello di Cuvio[1]; nel 1956 divenne frazione del ricostituito comune di Cuveglio[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio Decreto 12 gennaio 1928, n. 63
  2. ^ D.P.R. 5 ottobre 1956, n. 1256

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]