Cavo del Douglas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sezione sagittale della parte inferiore di un tronco femminile, segmento destro (si noti il cavo retto-uterino in basso a destra)

Il cavo del Douglas (o scavo retto-utero-vaginale, o spazio retto-vaginale, o recesso di Ehrhardt-Cole o spazio retto-uterino, nell'uomo si chiama cavo retto-vescicale) è l'estensione della cavità peritoneale tra il retto e la parete posteriore dell'utero nel corpo umano di donna[1]. Nell'uomo il peritoneo si riflette tra la vescica e il retto e prende il nome di cavo retto-vescicale[2]. Questo spazio si trova in prossimità del fornice posteriore della vagina. Nelle donne è il punto più profondo della cavità peritoneale, ed è posto posteriormente all'utero e anteriormente al retto. Come già ricordato negli uomini, la regione corrispondente alla sacca rettouterina è il cavo rettovescicale, che si trova tra la vescica urinaria e il retto.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Questo spazio è conosciuto anche con il nome di sacco del Douglas, cavità del Douglas, spazio del Douglas e cul-de-sac del Douglas. Lo spazio prende il nome dal medico e anatomista scozzese James Douglas (1675-1742)[1] che nel corso dei suoi studi ebbe modo di esplorare ampiamente questa regione del corpo femminile. Altre tre strutture anatomiche sono molto vicine al cavo e similmente prendono lo stesso nome: la piega Douglas, la linea di Douglas e il setto Douglas.

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

Lo spazio rettouterino nella donna che giace in posizione supina è la parte più bassa della cavità peritoneale. Per tale motivo è un sito comune per la diffusione di diverse patologie, come ad esempio l'ascite, le raccolte ascessuali, le raccolte essudatizie (in particolare della parte bassa dell'addome, colon, retto, appendice), le endometriosi e altre patologie infiammatorie. Nella donna ha un ruolo importante nella diagnostica di patologie annessiali, cioè in particolare delle ovaie.

Culdotomia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine culdotomia sta a indicare una incisione o puntura di questo spazio o sfondato. Il termine è un nome composto derivante da "cul-de-(sac)" e tomia[3].

Rilevanza clinica[modifica | modifica wikitesto]

Poiché il cavo del Douglas è il punto più declive della cavità addomino-pelvica, si tratta di un sito in cui tendono a raccogliersi fluidi ed essudati. Nella ecografia FAST una delle fondamentali scansioni ecografiche valutate a livello dell'addome è proprio inerente alla ricerca di versamento libero nello spazio retto-vescicale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fumagalli Z., Cavallotti C. Anatomia umana normale. Piccin, 1983. ISBN 9788829901319
  2. ^ Lambertini G., Anatomia umana, 2ª Ed., Padova, Piccin Editore, 1978. ISBN 978-88-212-0563-7
  3. ^ Treccani.it L'enciclopedia Italiana. Vocabolario on line. http://www.treccani.it/vocabolario/culdotomia/