Caviardage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manifesto del Metodo Caviardage.jpg

Il Caviardage è un Metodo di scrittura creativa che consiste prima nel ricavare una poesia da una pagina di testo seguendo un processo preciso e poi annerendo o colorando tutte le parole che non vengono utilizzate nella composizione del testo poetico.

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

I termine caviardage a cui fa riferimento il Metodo deriva dalla parola che in lingua francese indica la censura di una parte di un testo.[1]

Metodo Didattico[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2014 la pratica del Caviardage ,dopo anni di ricerca e sperimentazione, è diventata un Metodo di scrittura poetica che mette in atto un processo inverso rispetto a quello da cui prende in prestito il nome: la censura pone attenzione sulla eliminazione delle parole mentre la cancellazione nel Metodo caviardage diventa il modo per metter in luce le parole salvate.

Il Caviardage®, creato e diffuso in Italia da Tina Festa, è un Metodo di scrittura poetica che aiuta chi vi si dedica, attraverso un processo ben definito, a scrivere poesie e pensieri non partendo da una pagina bianca ma da testi già scritti: pagine strappate da libri da macero, articoli di giornali e riviste, ma anche testi in formato digitale.

La tecnica base si contamina con svariate tecniche artistiche espressive (collage, pittura, acquerello) per dar vita a poesie visive: piccoli capolavori che attraverso parole, segni e colori danno voce a emozioni difficili da esprimere nel quotidiano.

Il Caviardage® può essere utilizzato da tutti personalmente, per una riscoperta di se stessi grazie a una nuova e coinvolgente modalità espressiva.

Il Metodo Caviardage® è usato nella didattica scolastica, nel counseling espressivo, in areterapia, psicoterapia e come strumento nelle relazioni di aiuto, nell'animazione culturale in biblioteche e librerie, nella meditazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Caviardage, su larousse.fr. URL consultato il 27 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]