Cave neolitiche di selce a Spiennes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 50°25′50.8″N 3°58′43.6″E / 50.430778°N 3.978778°E50.430778; 3.978778

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Cave neolitiche di selce a Spiennes (Mons)
(EN) Neolithic Flint Mines at Spiennes (Mons)
Spiennes1.jpg
TipoCulturali
Criterio(i) (iii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2000
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Le Cave neolitiche di selce a Spiennes sono un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO fin dal 2000 situato vicino a Spiennes, in Belgio.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il documento ufficiale di inserimento tra i patrimoni dell'umanità descrive il sito come "la più grande ed antica concentrazione di antiche miniere in Europa", e cita il livello di sviluppo tecnologico raggiunto come motivo di iscrizione nella lista.[1]

Miniere neolitiche di Spiennes

La miniera copre circa 100 ettari di depressione nei pressi di Mons in Belgio, ed è interessante per il fatto che mostra la transizione tra miniere all'aperto e sotterranee per la raccolta di selce. I noduli di selce venivano estratti grazie all'uso di picconi in corna di cervo. Le pietre venivano scheggiate dandogli forme grezze di ascia, ed infine raffinate per giungere allo stato definitivo.

Antica ascia in selce dell'età della pietra, lunga circa 31 cm

I prodotti finiti venivano commerciati in un'ampia area, ed il materiale veniva spesso lavorato presso la destinazione. La lavorazione serviva per rinforzare il prodotto, rendendolo più resistente. Le asce venivano inizialmente usate per il disboscamento durante il primo neolitico, e per intagliare il legno nel tentativo di creare rifugi e canoe.

Corna di cervo

Altri siti[modifica | modifica wikitesto]

Il sito è paragonabile a Grimes Graves ed a Cissbury in Gran Bretagna, anch'esse basate sulla selce. Altre pietre dure venivano usate per lavorare le asce di pietra. Esistono molti luoghi in Inghilterra in cui le rocce metamorfiche venivano estratte da cave all'aperto, quindi lavorate sul posto prima di essere commerciate nel resto dello stato. Tra questi si ricordano Langdale axe industry, Penmaenmawr e Tievebulliagh.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Neolithic Flint Mines at Spiennes (Mons), in World Heritage List, UNESCO, 2000. URL consultato il 16 marzo 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità