Cave canem (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cave Canem
AutoreDanila Comastri Montanari
1ª ed. originale1993
GenereRomanzo
SottogenereGiallo
Lingua originale italiano

Cave Canem è un romanzo giallo storico di Danila Comastri Montanari ambientato nell'antica Roma. Come altri lavori precedenti di Montanari, ha come protagonista il senatore Publio Aurelio Stazio, stampato nella collana Il Giallo Mondadori con il numero 2329.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Paolina, una donna che vuole vendicare il suo amore per Marco Fabrizio, il generale che amava, e da cui si è dovuta separare a causa dei capricci di Gneo, un ricco pescivendolo, riesce ad uccidere con freddezza per salvare il proprio pargolo e attende pazientemente il momento giusto per gustare una vendetta che annienta gli eredi e favorisce il figlio illegittimo come unico erede.

Sarà Publio Aurelio a riportare alla luce la verità, che decide però di nascondere, o meglio, non rivelare perché capisce i sentimenti di Paolina.

Tutto questo raccontato con un tocco di ironia donato da Castore, il servo fedele ma polemico di Publio Aurelio che lo aiuta nelle indagini e gli fornisce informazioni raccolte, e a volte estorte ma pagate, dai pettegolezzi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura