Cattedrale di Tarragona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Santa Maria
Catedral de Santa María
Catedral basílica de Tarragona Portal 36.jpg
Facciata
Stato Spagna Spagna
Località Escudo de Tarragona.svgTarragona
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Tarragona
Stile architettonico Romanico, Gotico
Inizio costruzione 1170
Completamento 1331

Coordinate: 41°07′09″N 1°15′29″E / 41.119167°N 1.258056°E41.119167; 1.258056

La cattedrale di Santa Maria (in spagnolo: Catedral de Santa María) è il principale luogo di culto della città di Tarragona, in Spagna, sede vescovile dell'omonima arcidiocesi.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Vista da Catedral (2) (Tarragona).JPG
L'interno.
Il chiostro della cattedrale

Venne iniziata nell 1171 e consacrata nel 1331, ha una facciata romanica, al quale si aggiunge un portale gotico, con sculture (Giudizio universale, 23 apostoli e profeti, Madonna con bambino). La facciata restò incompleta nella parte alta, a causa della crisi cittadina dopo la peste del 1348. Vi si trova anche un sarcofago paleocristiano del IV secolo con scene della vita di Cristo. Il rosone della facciata e le sue vetrate trovano confronti in quelli del transetto della cattedrale di Notre Dame di Parigi.

All'interno la chiesa presenta le cappelle di Santa Tecla, dell'Immacolata Concezione, del Santo Sepolcro, delle Undicimila Vergini, di Santa Maria dei Sastri e del Santissimo Sacramento. Notevole è il sarcofago dell'arcivescovo Giovanni d'Aragona e l'altare maggiore con il suo retabolo.Alla chiesa è annesso un chiostro, costruito dal 1214, dove si svolgeva la vita comunitaria dei canonici della cattedrale, con arcate gotiche occupate da trifore sostenute da colonnine, i cui capitelli sono scolpiti con scene figurate. Successivamente vi furono aggiunti ambienti e cappelle.

La chiesa ricevette nel 1894 il titolo di basilica e fu dichiarata nel 1905 monumento storico artistico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN142968658 · LCCN: (ENn80063030