Cattedrale di Maria Santissima Achiropita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cattedrale di Maria Santissima Achiropita
Santa Maria Achiropita Rossano sett 2019 02.jpg
StatoItalia Italia
RegioneCalabria
LocalitàRossano
IndirizzoPiazza Duomo, 87067 Rossano, Corigliano-Rossano (CS)
Coordinate39°34′30.14″N 16°38′08.05″E / 39.57504°N 16.63557°E39.57504; 16.63557
Religionecattolica
Stile architettonicobarocco,

gotico(abside)

Inizio costruzioneIX secolo
Sito webSito ufficiale www.cattedralerossano.org

La cattedrale di Maria Santissima Achiropita è il principale luogo di culto e monumento architettonico di Rossano, in provincia di Cosenza, cattedrale dell'arcidiocesi di Rossano-Cariati. La chiesa è famosa per l'antica immagine della Madonna Acheropita, ossia non dipinta da mano umana, di datazione probabile tra il 580 la prima metà dell'VIII secolo.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Immagine di Maria Santissima Achiropita.

La chiesa, che oggi si presenta con pianta a tre navate e tre absidi, fu eretta nell'XI secolo, con successivi interventi nel XVIII e XIX secolo. Della struttura originaria rimangono ancora due colonne situate al di fuori del portale laterale.[1]

Al centro della cattedrale, un altare costruito tra la fine del XV secolo e il XVIII conserva l'icona della Madonna Acheropita, opera in stile bizantino databile non oltre l'VIII secolo.[1]

La torre campanaria e il fonte battesimale risalgono al XIV secolo mentre gli altri decori, tra i quali spiccano il pulpito e alcune tele[1], datano tra il XVII e il XVIII secolo. La chiesa conserva inoltre un organo a canne datato 1622.[1]

All'interno della sacrestia nel 1879 fu ritrovato il famoso Codex Purpureus Rossanensis, evangeliario greco del V-VI secolo di origine mediorientale (Antiochia di Siria), portato a Rossano probabilmente da qualche monaco in fuga dall'oriente durante l'invasione araba (secc. IX-X) e composto di 188 fogli di pergamena contenenti i Vangeli di Matteo e Marco ed una lettera di Eusebio di Cesarea a Carpiano. Il manoscritto, mutilo ed anonimo, indubbiamente la testimonianza più rappresentativa e preziosa di Rossano "la Bizantina", riporta testi vergati in oro ed argento ed è impreziosito da 15 miniature che illustrano i momenti più significativi della vita e della predicazione di Gesù[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Associazione "Amici di Rossano" (a cura di), Rossano.
  2. ^ Qui notizie sul codice purpureo di Rossano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]