Cattedrale di Cristo (Oxford)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Cristo
Cathedral Church of Christ
Cathedral oxford.jpg
Esterno
StatoRegno Unito Regno Unito
Regione/area/distrettoOxfordshire
LocalitàOxford
Religionecristiana anglicana
TitolareGesù
DiocesiOxford
Stile architettonicoromanico, gotico
Inizio costruzioneXII secolo
CompletamentoXVI secolo
Sito web

Coordinate: 51°45′00″N 1°15′17″W / 51.75°N 1.254722°W51.75; -1.254722

La cattedrale di Cristo (in inglese: cathedral church of Christ) è il principale luogo di culto anglicano di Oxford, sede vescovile della diocesi di Oxford e cappella universitaria dell'omonimo collegio del'università di Oxford.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruita in stile tardo romanico e completata nel XVI secolo. In origine fu la chiesa del monastero di Santa Fridesvida degli agostiniani, dove si rivendicava fossero custodite le reliquie di santa Fridesvida, patrona di Oxford.

Nel 1522 il monastero venne ceduto al cardinale Thomas Wolsey, che lo scelse come sede di un nuovo collegio, fondato nel 1529 dal re Enrico VIII d'Inghilterra. Nel 1546 Enrico VIII vi trasferì la sede del vescovo di Oxford, che fino ad allora era stata l'abbazia di Osney. Da questo momento il titolo ufficiale della chiesa è Ecclesia Christi Cathedralis Oxoniensis, come riportato nel documento di fondazione da parte del re.

Dal 1526 vi era stato istituito un coro, guidato dal compositore e organista John Taverner e lo statuto del collegio menziona sedici coristi e trenta preti cantori.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Interno della cattedrale di Oxford

La navata centrale, il coro, la torre principale e il transetto sono del tardo stile romanico normanno, ma elementi architettonici più tardi arrivano ad essere influenzati dal gotico flamboyant.

Nella cappella di Lucia, del transetto sud, si trova il monumento sepolcrale di sir Henry Gage (1597-1645) e nella navata centrale si trova il monumento del vescovo e filosofo George Berkeley.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN139592590 · LCCN: (ENn83129421 · GND: (DE5097627-8