Cattedrale dello Spirito Santo (Varsavia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spirito Santo
Katedra Polskokatolicka.jpg
La cattedrale polacco-cattolica di Varsavia
StatoPolonia Polonia
VoivodatoVoivodato della Masovia
LocalitàVarsavia
Religionevetero-cattolica
Diocesidiocesi polacco-cattolica di Varsavia
Consacrazione4 novembre 1906 (Ortodossia)

1918 (cattolicesimo)

25 aprile 1945 (Vetero-cattolicesimo)
ArchitettoLeon Benois
Inizio costruzione1903
Completamento1906
Sito webCattedrale dello Spirito Santo di Varsavia (en) (pl)

Coordinate: 52°12′59″N 21°02′42″E / 52.216389°N 21.045°E52.216389; 21.045

La cattedrale dello Spirito Santo di Varsavia è la chiesa principale della Chiesa polacco-cattolica. Fu costruita nel 1915 come chiesa militare ortodossa. Dal 1945 è nelle mani della Chiesa polacco-cattolica polacca come cattedrale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La controversia sulle circostanze della creazione[modifica | modifica wikitesto]

Mosaico-Mandylion, unico elemento sopravvissuto della decorazione del periodo di utilizzo da parte della Chiesa ortodossa

L'attuale cattedrale polacco-cattolica di Varsavia fu costruita come chiesa militare ortodossa. Il suo esatto periodo di creazione è oggetto di controversia nella letteratura. Secondo Peter Paszkiewicz la costruzione data al 1867, e il suo progettista fu Theodore Kozlowski[1].

A sua volta, Kirill Sokoł lavoro Russkaya Warsaw afferma che l'attuale chiesa cattedrale dello Spirito Santo restaurata dal Reggimento Lancieri dell'Esercito di Sua Maestà si è formata molto più tardi, tra il 1903 e il 1906, che il suo patrono era San Martino, e l'autore del progetto fu Leontij Benois. I lavori di costruzione hanno portato P. Fedders, e come la data della dedicazione della struttura Sokoł finito dà 4 novembre 1906[2]. Questo parere è condiviso da Richard Mączewski. Secondo l'autore l'edificio risale agli inizi del XX secolo, il documento parla di autorità municipali di Varsavia, che, dopo la Polonia riacquistò la sua indipendenza affrontarono il problema di decidere il futuro degli edifici di culto[3] e l'analisi dei documenti relativi al precedente complesso militare russo nella zona del Parco Łazienki[4].

Sokoł e Mączewski indicano che nel complesso della caserma nella zona tra Ul. Czerniakowska e Ul. Agricola esisteva anche la chiesa di Sant'Olga, distrutta dopo il 1915[3].

Chiesa ortodossa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1913 fu pubblicata a Pyatigorsk una monografia sulle chiese militari russe in cui questa chiesa è descritta come segue:

(PL)

« swoją architekturą przypominała dawne drewniane cerkwie nowogrodzkie i składała się z wysokiej centralnej części na planie krzyża, z typowymi nowogrodzkimi frontami. Zachodnia część krzyża w dolnej części służy za wejście główne, a w górnej za chór; we wschodniej części znajduje się ołtarz, otoczony półokrągłą absydą z pięcioma oknami. »

(IT)

« la sua architettura ricorda quella delle antiche chiese in legno di Novgorod e consiste in una parte alta centrale che si eleva da un piano a croce, con facciate tipiche delle chiese di Novgorod. La parte occidentale della croce nella parte inferiore funge da ingresso principale, nel coro superiore, mentre l'altare è sito nella parte orientale, circondato da un'abside semicircolare con cinque finestre[3]. »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Paszkiewicz, Sotto lo scettro dei Romanov. Arte Russa a Varsavia, 1815-1915, p. 81.
  2. ^ Kirił Sokoł, Varsavia russa, p. 55.
  3. ^ a b c (PL) Ryszard Mączewski, Święta Olga czy błogosławiony Martynian?, su polskokatolicki.pl. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  4. ^ (PL) Ryszard Mączewski, Historia cerkwi bł. Martyniana i św. Olgi na terenie koszar ułańskich i huzarskich przy Łazienkach w Warszawie (PDF), su warszawa1939.pl. URL consultato il 9 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]