Cattedrale Nuova di Santa Maria dell'Assedio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale nuova di Santa Maria dell'Assedio
Cattedrale Nuova di Santa Maria dell'Assedio
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Castilla y León.svg Castiglia e León
Località Escudo de Salamanca.svg Salamanca
Religione Cattolica
Titolare Maria
Diocesi Diocesi di Salamanca
Stile architettonico Gotico
Inizio costruzione 1513
Completamento 1733
La cattedrale

La cattedrale di Santa Maria dell'Assedio si trova a Salamanca, in Spagna. È detta Catedral Nueva (cattedrale nuova) per distinguerla dall'adiacente Catedral Vieja (cattedrale vecchia). Il 17 giugno 1887 è stata dichiarata, con decreto reale, monumento nazionale[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

La cupola della Cattedrale vista dall'interno

Iniziata nel 1513 per volontà di Ferdinando II di Aragona, su progetto di Juan Gil de Hontañón, Antón de Egas e Alonso Rodrigues, e terminata nel 1733, la cattedrale nuova fu costruita accanto alla navata sinistra della cattedrale vecchia, e ha un campanile alto 110 metri.Originariamente doveva essere in stile gotico, cui però si aggiunsero elementi in stile rinascimentale e la cupola in stile barocco. L'edificio venne seriamente danneggiato dal terremoto di Lisbona del 1º novembre 1755 e successivamente restaurato.

Esterno[modifica | modifica sorgente]

La facciata principale, in stile gotico, ha tre archi riccamente decorati[1] che conducono alle tre navate interne. Sulla porta nord vi sono due sculture: la prima rappresenta un astronauta che naviga nello spazio[2], mentre l'altra rappresenta un drago che regge un cono gelato, opera di Jerónimo Garcia che l'aggiunse durante i lavori di restauro della facciata nel 1992 come simboli del secolo in corso.

Interno[modifica | modifica sorgente]

L'interno è a croce latina a tre navate. Vi si possono ammirare la cappella di Ognissanti (detta anche cappella Dorata), l’altare del Cristo delle battaglie e un coro settecentesco. La navata di destra dà accesso alla cattedrale vecchia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Jose Garcia Vincente, Catedral Nueva.
  2. ^ Rui Silva, O Astronauta da Catedral de Salamanca.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]