Catharina van Hemessen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Catharina van Hemessen (Anversa, 1528Anversa, post 1587) è stata una pittrice fiamminga.

Jan Sanders van Hemessen, Allegoria di Catharina van Hemessen in Chrétien de Morien, ca. 1550, Rijksmuseum, Amsterdam

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del pittore Jan Sanders van Hemessen, da cui con ogni probabilità apprese le prime tecniche della pittura, Catharina van Hemessen è la prima pittrice fiamminga di cui si possa definire con certezza l'opera e la prima pittrice di cui si conosca un autoritratto, l'Autoritratto al cavalletto. Questo dipinto, conservato al Kunstmuseum di Basilea, è stato datato e firmato dall'artista, dichiarando anche la sua età.[1] Catharina van Hemessen ha dipinto ritratti di borghesi e soggetti religiosi. Prediligeva ritrarre a tre quarti o a mezza figura, su fondo neutro e scuro, senza abbellire e senza indulgere nei particolari. Di sua mano conosciamo nove ritratti e quattro scene sacre. Anche il Ritratto di un uomo, conservato oggi al Museo reale delle belle arti del Belgio è firmato e datato.[2]

Catharina van Hemessen - Cristo incontra la Veronica

Come aveva fatto suo padre, entrò nella Corporazione di San Luca di Anversa ed ottenne l'autorizzazione all'insegnamento della pittura dai suoi colleghi.

Intorno al 1540 Catharina fu accolta alla corte di Maria d'Asburgo, sorella di Carlo V. Nel 1554 sposò Christian di Morien, organista di corte e della cattedrale di Notre-Dame di Anversa.

Nel 1555 fu scelta come dama d'onore della città di Bruxelles e nel 1556, insieme a suo marito, accompagnò Maria d'Asburgo nel suo feudo in Spagna. Assunse quindi il compito di dama di compagnia della regina di Spagna, con l'onere di seguire l'infante Don Carlos, principe delle Asturie, nella sua formazione artistica. Nel 1554 Filippo II di Spagna si era risposato con una cugina, la regina Maria I d'Inghilterra che morì quattro anni dopo, senza avere figli.

Alla morte di Maria d'Asburgo, nel 1558, Catharina e suo marito ricevettero una pensione come compenso per i servigi prestati nell'arco di molti anni. Tornarono quindi ad Anversa, mentre al posto di Catharina van Hemessen, alla corte spagnola fu chiamata Sofonisba Anguissola.

Nel 1561 Catharina van Hemessen e suo marito si ritirarono a Bois-le-Duc. Lodovico Guicciardini, nel suo libro sui Paesi Bassi, pubblicato nel 1567, dà alcune informazioni sulla vita di Catharina van Hemessen e dice che quell'anno era vivente.[3]

Caterina van Hemessen - Ritratto di donna con il cane

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CATERINA DE HEMESSEN / PINGEBAT 1548 / ÆTATIS SVÆ 22.
  2. ^ CATHERINA / DE HEMESSĒ / PINGEBAT / 1549 / ÆTATIS / SVÆ / 42.
  3. ^ Lodovico Guicciardini, Descrittione di m. Lodouico Guicciardini patritio fiorentino, di tutti i Paesi Bassi; Con piu carte di geographia del paese, & col ritratto naturale di piu terre principali; Con amplissimo indice, In Anuersa, Guglielmo Siluio, stampatore regio, 1567, SBN IT\ICCU\BVEE\018275. Il libro fu tradotto in francese e ripubblicato più volte.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Emmanuel Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous les pays par un groupe d'écrivains spécialistes français et étrangers, Paris, Grund, SBN IT\ICCU\VEA\0108356. Nouv. ed. entièrement refondue sous la direction de Jacques Busse.
  • (EN) Italian women artists from Renaissance to Baroque, Milano, Skira, 2007, SBN IT\ICCU\VEA\0702687.
  • (DE) Marguerite Droz-Emmert, Catharina van Hemessen Malerin der Renaissance, Basel, Schwabe, 2004, SBN IT\ICCU\UBO\3853672.
  • Lodovico Guicciardini, Descrizione dei Paesi Bassi, Roma, Universitalia, 2014, SBN IT\ICCU\CAG\2050767. Testo a cura di Monia Carnevali e Marco Rossi; nota prefatoria di Carmelo Occhipinti; introduzione di Franco Salvatori.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN55043247 · ISNI (EN0000 0000 1232 1793 · LCCN (ENno2005017969 · GND (DE122962508 · ULAN (EN500005647