Catena delle Aiguilles Rouges

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Catena delle Aiguilles Rouges
Chamonix Valley Panorama.jpg
Le Aiguilles Rouges e la valle dell'Arve viste dall'Aiguille du Midi
ContinenteEuropa
StatiFrancia Francia
Catena principalePrealpi di Savoia (nelle Alpi)
Cima più elevataAiguille du Belvédère (2.965 m s.l.m.)

La Catena delle Aiguilles Rouges sono un sottosezione delle Prealpi di Savoia in Francia.

Si trovano di fronte al massiccio del Monte Bianco e separate dalla valle dell'Arve.

La qualifica rouge (dal francese rosso) deriva dal granito di cui sono costituite e che al mattino si tinge di rosso.

La montagna più alta del massiccio è l'Aiguille du Belvédère che raggiunge l'altezza di 2.965 m.

Nel 1974 è stata creata la Réserve naturelle des Aiguilles Rouges, riserva che interessa tutta la catena delle Aiguilles Rouges.

Delimitazioni[modifica | modifica wikitesto]

Confina:

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione della SOIUSA

La classificazione SOIUSA della Catena delle Aiguilles Rouges è la seguente:

Secondo le definizioni della SOIUSA la catena si divide in un unico supergruppo alpino e due gruppi[1].:

  • Massiccio delle Aiguilles Rouges (A)
    • Gruppo delle Aiguilles Rouges (A.1)
    • Gruppo del Brévent (A.2)

Vette[modifica | modifica wikitesto]

Le montagne principali del gruppo sono:

  • Aiguille du Belvédère - 2.965 m
  • Aiguille de la Floria - 2.888 m
  • la Glière - 2.836 m,
  • Aiguille Pourrie - 2.562 m
  • Le Brévent - 2.525 m
  • Aiguillette des Houches - 2.312 m.

Rifugi[modifica | modifica wikitesto]

Per facilitare l'escursionismo e la salita alle vette il gruppo montuoso è dotato di alcuni rifugi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tra parentesi viene riportato il codici SOIUSA del supergruppo e dei gruppi. Si tenga presente che non vi è l'ulteriore suddivisione in sottogruppi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN200859569