Catena Tre Vescovi - Mars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Catena Tre Vescovi-Mars
Catena tre vescovi mars da biella tiro a volo.jpg
Il gruppo dal campo di tiro a volo di Biella
ContinenteEuropa
StatiItalia Italia
Catena principaleAlpi biellesi
Cima più elevataMonte Mars (2.600 m s.l.m.)

La Catena Tre Vescovi-Mars è un massiccio montuoso situato lungo la linea di confine tra il Piemonte e la Valle d'Aosta. Appartiene alle Alpi Biellesi nelle Alpi Pennine.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si trova tra la piemontese Valle del Cervo e la valdostana Valle del Lys, ma interessa anche marginalmente il Canavese e la Valsesia. È delimitato a nord dal Colle del Loo (2.452 m), che lo separa dai Contrafforti valsesiani del Monte Rosa, mentre ad est la Bocchetta del Croso fa da confine con il secondo gruppo delle Alpi Biellesi, la Catena Monte Bo-Barone. Gli altri confini del gruppo sono ad ovest la linea definita dal Torrente Lys e dalla Dora Baltea, a sud la pianura padana e ad est il Torrente Chiobbia e il Cervo. Orograficamente fa parte del gruppo anche la porzione orientale dell'Anfiteatro morenico di Ivrea (e, in particolare, la Serra di Ivrea).

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

La SOIUSA definisce la Catena Tre Vescovi-Mars come un gruppo alpino e vi attribuisce la seguente classificazione:

Il gruppo non è ulteriormente suddiviso in sottogruppi

Montagne principali[modifica | modifica wikitesto]

La Punta Tre Vescovi, all'estremo nord della catena

Rifugi alpini[modifica | modifica wikitesto]

Per favorire l'escursionismo e la salita alle vette il gruppo è dotato dei seguenti rifugi alpini (da nord a sud):

Sport invernali[modifica | modifica wikitesto]

Nella parte centro-orientale del gruppo alpino si trova la stazione sciistica biellese di Oropa.

Protezione della natura[modifica | modifica wikitesto]

Sul versante Valdaostano del gruppo si trova il Riserva naturale Mont Mars, che culmina con l'omonima montagna. Sul versante piemontese esistono invece la Riserva naturale speciale del Parco Burcina - Felice Piacenza e quella del Sacro Monte di Oropa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Carta dei sentieri della Provincia di Biella 1:25.00 - Biellese nord-occidentale, Provincia di Biella, 2004

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.
  • Giancarlo Regis e Renza Piana Regis, Nuova guida alle Alpi biellesi, Biella, libreria V.Giovannacci, 1981.
  • Alessandro Castello, Elio Protto e Sandro Zoia, Alpi biellesi e valsesiane, in Guida dei Monti d'Italia, Milano, CAI / TCI, 2013.

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]