Catacomba di Santa Caterina d'Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Catacomba di
Santa Caterina d'Alessandria
Catacomba di Santa Caterina d'Alessandria.jpg
entrata sulla via Cassia
CiviltàCristiana
UtilizzoTomba
EpocaII o III secolo
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneChiusi-Stemma.png Chiusi
Scavi
Data scoperta1848
Amministrazione
Sito webwww.catacombeditalia.va/content/archeologiasacra/it/visita-catacombe/per-regione/toscana/catacomba-di-s-caterina.html
Mappa di localizzazione

Coordinate: 43°00′37.12″N 11°56′59.27″E / 43.010311°N 11.949797°E43.010311; 11.949797

La catacomba di Santa Caterina d'Alessandria si trova a Chiusi. Insieme a quella di Santa Mustiola è l'unica finora individuata in Toscana continentale.[1]

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Di dimensioni più ridotte rispetto a quelle di Santa Mustiola è stata scoperta per caso nel 1848 nel corso di alcuni lavori nei campi. La struttura, che risale al II o al III secolo, è composta da due ipogei pagani di più antica datazione, poi sfruttati dalle comunità paleocristiane, fino al IV secolo. Le tombe, che si trovano sotto il pavimento, sono a fossa.[1]

Prende il nome da una cappella dedicata a Santa Caterina delle Ruote che sorgeva vicino. Vi si trovano numerose iscrizioni funerarie in pietra che rivelano l'origine sepolcrale pagana; interessanti gli stipiti dell'antica porta in pietra. Molto suggestivo l'ambiente, articolato in diverse parti: andito, oratorio, altare, arcosoli e ambulacri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chianciano Terme, su chiancianoterme.com. URL consultato il 28 agosto 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN91144647637589024036