Casty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea "Casty" Castellan a Lucca Comics & Games 2016

Andrea Castellan conosciuto con lo pseudonimo di Casty (Gorizia, 23 aprile 1967) è un fumettista italiano.

Casty svolge l'attività di sceneggiatore, disegnatore e illustratore per Lupo Alberto, Cattivik e Topolino.

Gli esordi su Lupo Alberto e Cattivik[modifica | modifica wikitesto]

Casty esordisce come sceneggiatore sul n. 66 del mensile Cattivik del marzo 1995 con la storia Il ladrobot. Su Lupo Alberto, invece, esordisce sul n. 179 del maggio 2000 con la storia L'idea originale.

Carriera su Topolino[modifica | modifica wikitesto]

Su Topolino debutta come sceneggiatore nel 2003, con la storia Topolino e i mostri idrofili, su disegni di Andrea Ferraris. Il suo esordio come disegnatore avviene un paio di anni dopo, dapprima come copertinista (Topolino n. 2597) e poi con la storia natalizia Topolino e le macchine ribelli (Topolino n. 2613).

Ispirato dalle opere artistiche dei grandi artigiani del Fumetto Disney Romano Scarpa e Floyd Gottfredson, tra le sue storie più apprezzate dal pubblico citiamo quelle con protagonista Macchia Nera (Topolino e l'uomo ingannatempo - Topolino n. 2597, Topolino e il caso sottilissimo - Topolino n. 2619, Topolino e il dominatore delle nuvole - Topolino nn. 2646-2647) e quelle con i tre nuovi personaggi da lui stesso creati: l'archeologa Eurasia Tost (Topolino e la spedizione perduta - Topolino n. 2507), la biologa Estrella Marina e il "magnifico" villain Doppioscherzo (Topolino e il magnifico Doppioscherzo - Topolino n. 2535). Più recentemente recupera il personaggio di Eta Beta facendolo incontrare sia con un altro classico personaggio di Gottfredson, la Spia Poeta, in Topolino e il mondo che verrà (Topolino n. 2721-2724) che con lo stesso Doppioscherzo in Topolino e la neve spazzastoria (Topolino n. 2705). Nel 2009 rende omaggio allo sceneggiatore disneyano Rodolfo Cimino realizzando una storia a lui ispirata, Topolino e le borbottiglie di Avaloa (Topolino n. 2798) e continua la sua opera di umanizzazione del personaggio di Topolino in Topolino e l'incubo orbitale (Topolino n. 2810). All'inizio del 2010 esce un'altra storia importante intitolata Topolino e l'isola di Quandomai (Topolino nn. 2832-2833), ispirata parzialmente alla serie televisiva Lost.

Contemporaneamente l'autore fa il suo debutto sulla carta stampata in USA; la casa editrice Boom! Studios pubblica infatti in quattro puntate Topolino e il mondo che verrà (Mickey Mouse and the World to Come) sui numeri 703-706 della storica testata Walt Disney's Comics and Stories. Seguono immediatamente Quandomai, L'incubo orbitale e Topolino e la bionda minaccia.

Dopo un'altra storia importante dedicata a temi ambientali, Topolino e il mondo di Tutor (Topolino n. 2839), su Topolino n. 2843 viene pubblicata la sua prima storia sui paperi come sceneggiatore: Zio Paperone e il moltiplicatore di Simplicius, disegnata da Andrea Ferraris. Nel 2011, Topolino n. 2880 segna il ritorno di Eurasia Tost, in una storia realizzata interamente da Casty nel 2007, Topolino e le miniere di fantametallo, che può essere considerata come un seguito di Topolino e il colosso di Rodi. Nel 2011 è pubblicata un'altra storia con Casty sceneggiatore: Topolino e la marea dei secoli.

Dopo la breve storia Topolino e il cappotto da 1 dollaro, torna a pubblicare una storia lunga, Darkenblot, disegnata da Lorenzo Pastrovicchio. Casty pubblica poi una serie di storie brevi (Topolino e l'anatema ridanciano, Topolino e i segreti dell'Area 52, Topolino e il club degli spettri) collaborando con vari disegnatori. Dopo essere tornato finalmente in coppia con De Vita con Topolino e il congegno di Zweistein, annuncia la trilogia con Atomino Bip Bip che aveva anticipato da sempre: la prima storia di questa trilogia è Topolino e gli Ombronauti.

In Topolino 3077 in coppia con Enrico Faccini cura sceneggiatura e disegni di Topolino e i 7 Boglins, storia in 2 parti.

Dopo un'introduzione a fumetti sul numero 3091, sui numeri 3092-3093 di Topolino, viene pubblicata la seconda storia della trilogia con Atomino, Topolino e l'impero sottozero, nel quale adopera lemmi vernacolari tipici del suo luogo d'origine, la Venezia Giulia come i nomi di due ministri di Gelonia, Strafanic ("oggetto inutile" in dialetto) e Palacinc (nome locale per indicare l'omelette). Anche la città segreta di Agarthi, una immensa caverna, ricorda la Grotta Gigante.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 riceve il Premio Fumo di China come Migliore Sceneggiatore Umoristico.

Nel 2014 riceve il Premio Papersera.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN142323708 · LCCN: (ENno2010170226