Castelvecchio Pascoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castelvecchio Pascoli
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Lucca-Stemma.png Lucca
ComuneBarga-Stemma.png Barga
Territorio
Coordinate44°04′57″N 10°27′45″E / 44.0825°N 10.4625°E44.0825; 10.4625 (Castelvecchio Pascoli)Coordinate: 44°04′57″N 10°27′45″E / 44.0825°N 10.4625°E44.0825; 10.4625 (Castelvecchio Pascoli)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale55051
Prefisso0583
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelvecchio Pascoli
Castelvecchio Pascoli

Castelvecchio Pascoli è una frazione del comune di Barga, nella Valle del Serchio, nel quale il poeta Pascoli acquistò la casa "Cardosi-Carrara"

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Pascoli soggiornò a lungo a Castelvecchio, dedicandosi alla poesia e agli studi di letteratura classica (sono famose, e tuttora visibili, le tre scrivanie per lavorare nelle tre lingue, italiano, latino, greco). Qui gli parve di aver finalmente ricostituito il "nido" distrutto di San Mauro.

L'opera Canti di Castelvecchio è fitta di richiami autobiografici e di rappresentazioni della vita in campagna e termini dialettali barghigiani. Il motto iniziale, il medesimo di Myricae, è: «arbusta iuvant humilesque myricae». In tal modo, Pascoli recupera il legame con la raccolta precedente e la poetica del "fanciullino", accentuandone però la valenza simbolica.

Tutt'oggi resta la Casa Museo Pascoli. Nella cappella annessa è sepolto Giovanni Pascoli.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Castelvecchio Pascoli è lambita dalla strada regionale 445 della Garfagnana ed attraversata dalla strada provinciale 7, sulle quali sono svolte autocorse in servizio pubblico a cura di CTT Nord.

È inoltre presente una fermata ferroviaria, servita dalle corse di Trenitalia che percorrono la ferrovia Lucca-Aulla nell'ambito del contratto di servizio con la Regione Toscana.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso sportivo del "Ciocco" ospitò, nel 1991, la seconda edizione del Campionato del mondo di mountain bike.