Castello ducale Cantelmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello Cantelmo
Popoli Castello 08 (RaBoe).jpg
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
CittàPopoli
Coordinate42°10′23.44″N 13°50′19.09″E / 42.173178°N 13.838636°E42.173178; 13.838636Coordinate: 42°10′23.44″N 13°50′19.09″E / 42.173178°N 13.838636°E42.173178; 13.838636
Informazioni generali
TipoCastello-recinto
Inizio costruzione1000
Condizione attualeRuderi
Visitabile
Castello Cantelmo, Regione Abruzzo. URL consultato il 14 novembre 2017.
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Cantelmo si trova alle pendici del monte Morrone al di sopra del centro storico di Popoli, in provincia di Pescara.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Popoli

Il castello fu costruito tra il 1000 ed il 1015 dal vescovo di Valva Tidolfo, ma venne profondamente trasformato alla fine del XV secolo dai Cantelmo, divenuti feudatari nel 1269 e che lo ressero fino al XVII secolo.

Il castello fu la residenza dei Cantelmo fino al 1480, quando si trasferirono nel Palazzo Ducale di Popoli.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La fortificazione domina la strada statale Tiburtina al di sopra di Popoli. È un "castello-recinto" simile ad altri della vicina provincia dell'Aquila, come San Pio delle Camere, Barisciano o Fossa.

La pianta delle mura è triangolare ed al vertice più alto del triangolo si trova l'originale torre d'avvistamento pentagonale, mentre più in basso si trovano una torre a pianta quadrata ed un torrione cilindrico costruiti successivamente. Il torrione cilindrico, in particolare è rinascimentale, fatto costruire dal conte Restaino IV Cantelmo.

Il castello, i cui ruderi sono stati restaurati recentemente, è visitabile[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Castello, su comune.popoli.pe.it. URL consultato il 27/03/2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marialuce Latini, Popoli (PE), Il castello-recinto, in Guida ai Castelli d'Abruzzo, Pescara, Carsa Edizioni, 2000, pp. 120-121, ISBN 88-85854-87-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]