Castello di Vecchiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°49′17.39″N 10°23′28.66″E / 43.821497°N 10.391294°E43.821497; 10.391294

Santa Maria in Castello

Il castello di Vecchiano si trova in provincia di Pisa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il documento più antico è uno statuto del vescovo di Pisa Daiberto che chiede misure urgenti di difesa del territorio ad alcune famiglie (fare) dei longobardi pisani tra cui gli Orlandi ed i Gaetani (o Caetani) nel 1092. Il castello sembra pero' di origine più antica, forse bizantina, già feudo dei vichingo-normanni Pagano Ebriaci (o Embriaci) da Vecchiano o Verchionesi, secondo recenti ricerche. Tra il 1276 ed il 1397 il possesso del castello passò alla famiglia pisana dei Lanfranchi dei Chiccoli, osteggiata dal Papa Bonifacio VIII e legata all'Antipapa Niccolò V mentre la chiesa del castello figura dipendenza della Pieve di Rigoli e Corliano. Nell'ottobre 1397 il castello è combattuto e preso ai Lanfranchi da Giovanni Colonna al comando di mille cavalieri e 170 lance lucchesi.

Nel 1405 Gabriele Maria Visconti, figlio di Gian Galeazzo Visconti, vendette al comune di Firenze il castello di Vecchiano, che il padre aveva comprato dagli Appiani nel 1399 in quanto parte del territorio della Repubblica di Pisa. Situato a difesa del ponte sul fiume Serchio, lungo la frontiera con il territorio lucchese, venne riconquistato dai Gaetani, Conti di Terriccio e d'Oriseo, con l'aiuto dei milanesi e degli aragonesi nell'ottobre 1436 a cui venne nuovamente sottratto dai fiorentini e dagli angioini il 1º maggio 1437. Il testamento di Galeazzo Visconti dell'8 settembre 1473 (stile pisano), rogato da "ser Jacopo di Giorgio Bonaparte da S.Miniato al Tedesco", dispone del patronato a favore dei patrizi pisani Bocca Gaetani, che mantennero il possesso del castello fino al 1595, per poi passare successivamente in eredità a Pietro di Niccolao della Seta ed infine a Cosimo Agostini Venerosi della Seta nel 1801. In base al contratto del 24 settembre 1579, rogato da ser Alessandro Monticelli, i feudatari del castello avevano il benefizio o "posta" su diversi appezzamenti di terreno ed alcuni immobili per una superficie totale "di staiora 198, pertiche 2 e braccia 23" delle comunità di Vecchiano e Nodica in cambio del "canone annuo di staia 13 di grano nitido e mercantile e per lire toscane 9 a contanti", come conferma l'atto rogato dal notaio ser Giovan Batta Citti del 14 dicembre 1715, conservato nell'archivio storico della famiglia Agostini Venerosi della Seta. Entrato il territorio pisano a fare parte del Granducato di Toscana, il castello perse la sua importanza militare dalla fine del XVI secolo mentre la chiesa ebbe una sempre maggiore affluenza di fedeli per la festa della Natività di Maria dell'8 settembre, divenendo luogo di preghiera di eremiti.

Leonardo da Vinci raffigura e indica la chiesa di Santa Maria in Castello nella carta RLW 12683[1] e la menziona nel Codice Atlantico (f. 305r) come punto di riferimento nella Valle del Serchio, sulla riva destra del fiume, sopra uno sperone roccioso sovrastante Vecchiano.

Nel 1810 le seguenti famiglie vecchianesi erano tenute al pagamento del benefizio o "posta" a favore del pievano dell'eremo per l'uso dei fondi enfiteutici del castello: Baraglia, Bartalini, Becagli, Bianchi, Bianchini, Grossi, Magagna, Pardella, Possenti, Prato, Puccetti e Sbragia. L'ultimo rettore che abitò l'eremo fu Cesare Del Chiocca di Rigoli nel 1858. La chiesa venne restaurata dai danni causati nel 1944-45 dal passaggio della linea Gotica durante la seconda guerra mondiale su iniziativa del pievano Gino Barzacchini e di un comitato cittadino e, successivamente, dal Gruppo Archeologico Vecchianese nel 1991.

Il castello e la chiesa di S.Maria, divenuta santuario durante il Giubileo del 2000, sono oggi proprietà della famiglia Agostini, discendente delle famiglie pisane dei Gaetani, dei Lanfranchi, degli Orlandi, dei Bocca e dei della Seta, mentre l'uso liturgico continua ad essere riservato al pievano di Vecchiano, Renato Melani.

Ogni anno vi si svolge il "Premio internazionale di poesia, narrativa e saggistica " S. Maria in Castello - Città di Vecchiano".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RLW 12683. - Carta a volo d'uccello della Toscana, su brunelleschi.imss.fi.it. URL consultato l'08 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Castello di Santa Maria a Vecchiano, Mario Noferi, Felici Editore, Pisa, 2009.
  • Il Santuario di Santa Maria di Castello, Don Franco Baggiani, Edizioni ETS, Pisa, 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]