Castello di Tizzano Val Parma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Tizzano Val Parma
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
CittàTizzano Val Parma-Stemma.png Tizzano Val Parma
Coordinate44°31′15.5″N 10°11′54.4″E / 44.520972°N 10.198444°E44.520972; 10.198444Coordinate: 44°31′15.5″N 10°11′54.4″E / 44.520972°N 10.198444°E44.520972; 10.198444
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Tizzano Val Parma
Informazioni generali
Tipocastello medievale
Inizio costruzioneXI secolo
Materialepietra
Condizione attualeruderi restaurati
Proprietario attualeComune di Tizzano Val Parma
Visitabile
Informazioni militari
Funzione strategicacontrollo della val Parma e della via del Sale
[1]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Tizzano Val Parma è un maniero medievale i cui resti sorgono in via al Castello a Tizzano Val Parma, in provincia di Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello fu edificato a presidio della val Parma e della via del Sale presumibilmente tra il X e l'XI secolo; le prime testimonianze dell'esistenza del borgo di Tizzano risalgono al 991, mentre non si conservano documenti che menzionino il castello antecedenti all'XI secolo.[1]

Secondo alcune notizie di dubbia attendibilità, il maniero sarebbe stato tra i possedimenti di Giberto III da Correggio fino al primo quarto del XIII secolo.[1]

Nel 1247 l'imperatore Federico II di Svevia lo assegnò in feudo ai Terzi di Parma, che ne furono investiti quali conti di Tizzano, nonché di Belvedere, in riconoscimento della fedeltà e dei servizi offerti all'impero dalla famiglia, erede diretta dei da Cornazzano, fin dai tempi di Federico Barbarossa.[2]

Nel 1364 i fratelli Niccolò Terzi il Vecchio e Giberto, poi capostipite dei Terzi di Sissa, giurarono fedeltà al Signore di Milano Bernabò Visconti per i castelli di Tizzano e di Belvedere.[3] Le concessioni in feudo furono riconfermate nell'agosto 1386 a Niccolò Terzi il Vecchio e ai suoi eredi diretti da Gian Galeazzo Visconti, che decise nel contempo più larghe immunità a favore di Tizzano.[4] L'anno seguente, il 19 agosto 1387, le investiture feudali furono sancite dall'imperatore Venceslao di Lussemburgo con diploma sigillato a Norimberga.[5][6]

In seguito all'assassinio di Ottobuono de' Terzi, signore di Parma e di Reggio, nell'agguato di Rubiera del maggio 1409, il castello fu occupato dai Fieschi.[7] Pochi anni dopo, un figlio d'Ottobuono, Niccolò de' Terzi, il Guerriero, condottiero e diplomatico al servizio di Filippo Maria Visconti, riebbe per i suoi meriti la terra e il titolo di conte di Tizzano, che conservò sino al 1449, quando, morto l'ultimo dei Visconti e caduto il Ducato di Milano in potere di Francesco Sforza, dovette rifugiarsi con la famiglia presso la corte dei Gonzaga a Mantova. Lo Sforza investì allora del feudo il conte Pietro Ghirasio da Contrano, detto anche Fiasco da Girasio; suo figlio Agolante, o Avolante, cedette il castello al marchese Gianfrancesco I Pallavicino all'insaputa del fratello maggiore Anfitrione, che tentò invano di rientrarne in possesso.[6]

Alla morte di Rolando Pallavicino, il feudo fu conteso tra i suoi generi per alcuni anni; infine fu acquistato dal duca di Parma Ottavio Farnese, nonostante le pretese da parte dei Terzi. Pochissimi anni dopo, durante la guerra di Parma del 1551 il castello subì l'attacco da parte dell'esercito di Ferrante I Gonzaga, che colpì con ben 456 cannonate il maniero, danneggiandolo profondamente.[6]

Nel 1650 il duca Ranuccio II Farnese investì del feudo il marchese Domenico Doria;[6] l'importante famiglia genovese mantenne il possesso del diroccato forte, all'epoca costituito da un corpo di fabbrica e da un torrione,[1] fino alla scomparsa dell'ultima discendente Maria Maddalena alla fine del XVIII secolo; in seguito subentrò il marchese Troilo Venturi, che fu costretto ad abbandonare Tizzano nel 1806 a causa dei decreti napoleonici relativi all'abolizione dei diritti feudali.[6]

Successivamente il maniero ormai in rovina fu acquistato dai Castiglione,[8] ma nel 1834 fu danneggiato da una scossa sismica, che provocò il crollo dell'ala settentrionale.[6]

Nel 1913 lo scultore Ettore Ximenes comprò il forte con l'intenzione di adibirlo a residenza estiva; incaricò del progetto di ristrutturazione l'architetto Lamberto Cusani, ma i lavori appena avviati si interruppero bruscamente a causa dello scoppio della prima guerra mondiale e non furono mai portati a termine.[8]

Nel 1930 gli ultimi abitanti abbandonarono il castello in rovina, che fu acquistato nel 1961 dal Comune di Tizzano Val Parma.[8]

Soltanto nel 2002 l'amministrazione municipale riuscì ad avviare una serie di scavi tra i ruderi del maniero, che consentirono di riportare alla luce una sala del piano terreno,[9] che fu restaurata l'anno seguente unitamente alle mura perimetrali e alla torre.[1] Altri interventi furono svolti nel 2014, con la costruzione di una serie di passerelle, il risanamento strutturale delle rovine e la loro trasformazione in area destinata a spettacoli e manifestazioni culturali.[9]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Del castello originario, interamente realizzato in pietra in posizione scoscesa, si conservano oggi soltanto le mura perimetrali e di contenimento, un'ampia torre mutila a base rettangolare e una stanza coperta da volta a botte al piano terreno,[1] aperta attraverso due ampie arcate a tutto sesto sull'area di scavo.

Una serie di passerelle consente l'accesso al livello superiore privo di copertura, affacciato con tre finestre rettangolari verso la vallata; l'ambiente, grazie all'ampio varco nella muratura occidentale, è utilizzato quale palcoscenico durante gli spettacoli musicali.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Relazione di inquadramento archeologico con schede di sito e segnalazioni (PDF), su www.comune.tizzano-val-parma.pr.it. URL consultato il 1º settembre 2016.
  2. ^ Cont, 2019.
  3. ^ Chittolini, 1972, p. 63.
  4. ^ Pezzana, 1837, p. 171.
  5. ^ Affò, 1793, pp. 379-387.
  6. ^ a b c d e f Molossi, pp. 544-546.
  7. ^ Pezzana, p. 132.
  8. ^ a b c Il Castello Ritrovato, su www.tizzanoopera.org. URL consultato il 1º settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  9. ^ a b Il castello ritrovato, su www.comune.tizzano-val-parma.pr.it. URL consultato il 1º settembre 2016.
  10. ^ Beatrice Minozzi, Tizzano, 200 mila euro per rendere il castello sicuro, su www.gazzettadiparma.it. URL consultato il 1º settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ireneo Affò, Storia della città di Parma, II, Parma, Stamperia Carmignani, 1793.
  • Bonaventura Angeli, La historia della citta di Parma, et la descrittione del fiume Parma, Parma, appresso Erasmo Viotto, 1591.
  • Francesco Cherbi, Le grandi epoche sacre diplomatiche, II, Parma, Stamperia Carmignani, 1837.
  • Giorgio Chittolini, Infeudazioni e politica feudale nel ducato visconteo-sforzesco, in Quaderni storici, Milano, il Mulino, 1972.
  • Paolo Cont, I Terzi di Parma, Sissa e Fermo, in Fonti e Studi, serie II, XIV-2, prefazione di Marco Gentile, 2ª ed., Parma, presso la Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, 2019, ISBN 978-88-941135-5-6.
  • Lorenzo Molossi, Vocabolario topografico dei Ducati di Parma, Piacenza e Guastalla, Parma, Tipografia Ducale, 1832-1834.
  • Angelo Pezzana, Storia della città di Parma continuata, I, Parma, Ducale Tipografia, 1837.
  • Angelo Pezzana, Storia della città di Parma continuata, II, Parma, Ducale Tipografia, 1842.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]