Castello di Parella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Parella
Parella Castello 03.jpg
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegionePiemonte
CittàParella
Coordinate45°25′48.17″N 7°47′47.96″E / 45.430048°N 7.796656°E45.430048; 7.796656Coordinate: 45°25′48.17″N 7°47′47.96″E / 45.430048°N 7.796656°E45.430048; 7.796656
Informazioni generali
Tipocastello medievale
Inizio costruzioneXIII secolo
Condizione attualein buono stato
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Parella sorge nel comune omonimo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello risale al XIII secolo[1] e presenta rimaneggiamenti del XVII secolo. Già appartenente al casato dei San Martino e poi dei marchesi d'Ivrea, fu edificato sui resti di una struttura dell'alto medioevo.

Nel 2011 è stato battuto all'asta, come il castello di Mazzè e, successivamente, il castello di Cesnola.[2] È stato acquistato dalla Società Manital con l'intento di recuperare la struttura e i terreni circostanti, i Vivai Canavesani e i vigneti già in passato DOCG, questi ultimi per produrre l'Erbaluce DOCG.[3]

È adibito a polo museale privato.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Strutturato su tre ali, ha altrettanti cortili interni prospicienti vari edifici e attorniati da un parco; al secolo successivo risale la torre di forma tonda ornata con fregi in cotto. Gli interni sono decorati con preziosi affreschi e finte architetture. La sala di Giove ha una sontuosa volta a carena di nave e affreschi di tema storico-mitologico e contiene una galleria di uomini illustri dell'epoca medioevale. La quadreria ha invece la volta decorata con sei scene allegoriche che rievocano vari temi: amore, giustizia, fede, forza, virtù e valore.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Approfondimento: Comune.parella.to.it Archiviato il 12 ottobre 2007 in Internet Archive..
  2. ^ val.gro., Il Castelletto va all'asta, Noro: «Non sapevo nulla», lasentinella.gelocal.it, 5 novembre 2012.
  3. ^ Rinascita del Castello di Parella Archiviato il 10 agosto 2014 in Internet Archive., www.manital.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]