Castelvecchio (Padova)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Castello di Padova)
Castelvecchio
Castello della Torlonga
Mura di Padova
Padova Specola 060907.jpg
La Torlonga ed il Castello dal Bacchiglione
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Città Padova
Informazioni generali
Tipo Castello medievale
Costruzione IX secolo-XIV secolo - XX secolo
Condizione attuale in recupero
Visitabile Si
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castelvecchio, anticamente definito Castello della Torlonga ma oggi conosciuto anche come Castello di Ezzelino, o Castello Carrarese o ancora Castello di Padova, è una fortificazione di origine altomedievale posta sulla biforcazione del Bacchiglione dove si divide in Tronco Maestro e Naviglio interno. Deve le attuali caratteristiche alla signoria dei Da Carrara. Durante il XIX secolo e il XX secolo venne in gran parte utilizzato come prigione statale mentre il mastio, la Torlonga, fu dal XVIII secolo Specola cittadina.

La Torlonga vista dal Cortile Maggior del Castello

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

La fortezza un tempo era chiamata Castello della Torlonga. Assunse il nome di Castelvecchio quando si iniziò a costruire il Castelnuovo dopo il 1513. In età romantica fu chiamato Castello di Ezzelino per il fascino sinistro evocato dal tiranno. Oggi, con la riscoperta culturale della signoria dei Da Carrara, è frequentemente definito Castello Carrarese. L'area antistante l'edificio è Piazza Castello: in età veneziana fu luogo di esercitazioni militari e di esecuzioni capitali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Torlonga, i torricini e l'ala austriaca dal Ponte di San Giovanni alla Navi

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La struttura del castello attuale è l'evoluzione di un sistema difensivo di origine altomedievale che aveva nella Torlonga (la torre-longa) il suo fulcro: costruita nel IX secolo nella strategica area in cui il Bacchiglione andava dividendosi (punto già occupato da fortificazioni di età romana) fu citata per la prima volta nel 1062. La torre, tra il X secolo ed il XI secolo, fu circondata da una breve muraglia che la proteggeva verso la città. Questo mastio fu poi inglobato alla cinta muraria di età comunale; lì vicino, verso ponente, si aprì una porta urbica.

Il castello di Ezzelino[modifica | modifica wikitesto]

Rimangono invece tracce del castello fatto costruire da Ezzelino III da Romano, tiranno della città dal 1237 al 1256: la più notevole è la Torlonga, la maggiore delle due torri del castello. Il Castello fungeva da perno difensivo della cinta muraria duecentesca.

Il Castello di Francesco il Vecchio[modifica | modifica wikitesto]

Caduto il tiranno, le fortificazioni furono abbandonate fino alla signoria dei Carraresi che fecero ricostruire il castello facendone dipingere le due torri a scacchi bianchi e rossi. Il Castello venne collegato alla Reggia Carrarese dal traghetto alle mura, un passaggio sopraelevato che aveva la funzione di collegare i centri del potere politico e militare.

Il Castello di Padova in una veduta d'epoca

L'età veneziana[modifica | modifica wikitesto]

Con la costruzione delle mura rinascimentali ad opera di Bartolomeo d'Alviano il valore strategico del castello fu ridotto a zero. La Repubblica di Venezia vagheggiò anche la costruzione di un Castelnovo sul versante est delle mura, ma di questo progetto rimangono solo alcuni bastioni. Nel 1777 fu ultimata la trasformazione della Torlonga in Specola per le osservazioni astronomiche.

L'Ottocento e la prigione[modifica | modifica wikitesto]

I resti del castello ebbero successivamente usi diversi (osservatorio astronomico, prigione, ecc.). In particolare il castello ha avuto funzione di prigione fino al secondo dopoguerra. L'Amministrazione carceraria padovana ha tuttora alcuni uffici in Piazza Castello.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Padova Portale Padova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Padova