Castello di Nisida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Nisida
Castello di Nisida . Napoli.jpg
Isola di Nisida, sulla destra il castello
Stato attualeItalia Italia
RegioneCampania
CittàNapoli
Coordinate40°47′49.23″N 14°09′39.44″E / 40.797009°N 14.160956°E40.797009; 14.160956Coordinate: 40°47′49.23″N 14°09′39.44″E / 40.797009°N 14.160956°E40.797009; 14.160956
Mappa di localizzazione: Italia
Castello di Nisida
Informazioni generali
TipoCastello
StileRinascimentale
CostruzioneXVI secolo-XVI secolo
CostruttoreDon Pedro de Toledo
MaterialeTufo giallo campano
Primo proprietarioMacedonio, duchi di Grottolella
Proprietario attualeMinistero della Giustizia
VisitabileNo
Informazioni militari
UtilizzatoreRegno di Napoli, Repubblica Partenopea, Regno delle Due Sicilie
Funzione strategicaArtiglieria costiera in funzione anti-pirateria
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Nisida è un edificio di Napoli situato a Nisida, isolotto dell'arcipelago delle isole Flegree.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione, forse di epoca tardo-angioina, fu riadattata in epoca moderna, a partire dal XVI secolo, come caposaldo nel sistema difensivo della città pianificato dal viceré don Pedro de Toledo che si estendeva da Baia fino allo Sperone. La trasformazione fu resa necessaria a seguito delle reiterate scorrerie del celebre “pirata Barbarossa” sulle coste della Calabria, su Ischia e su Procida. La proprietà del castello, così come quello dell'intero isolotto, appartenne alla famiglia napoletana dei Macedonio, duchi di Grottolella. Nel 1626, anno della terribile epidemia di peste, il viceré Antonio Álvarez de Toledo volle che il castello fosse adibito a lazzaretto per raccogliere gli appestati.

Durante il periodo borbonico, in seguito al rafforzamento della flotta militare e delle mutate condizioni strategiche, la costruzione fu adibita all'internamento dei prigionieri politici. Le tribolate vicende che caratterizzano tali mutamenti furono arricchite da episodi più o meno eclatanti come ad esempio nel 1851 quando il conte di Gladstone denunciò le disumane condizioni in cui versavano i detenuti. Ironia della sorta volle che, nel periodo post-unitario, il castello divenne luogo di detenzione per gli ex funzionari borbonici a seguito dell'epurazione avviata dai Savoia nella Pubblica Amministrazione. Oggi è sede dell'Istituto Penitenziario per Minorenni di Napoli.

Penitenziario minorile di Nisida[modifica | modifica wikitesto]

Lo stabilimento sorge sul versante sud-orientale dell'isola e comprende l'insenatura di Porto Paone. Abbattuto il vecchio pericolante torrione che dava un aspetto lugubre, nel 1933 i locali sottostanti sono stati riattati al reparto cellulare di osservazione, accanto all'infermeria e i locali di quarantena sanitaria. Ai piani superiori si accede agli uffici amministrativi, gli alloggi del direttore penitenziario e degli agenti di polizia penitenziaria. Dirimpetto all'ingresso dell'edifizio si apre un ampio viale ai quali margini sono collocati i padiglioni adibiti ai servizi del penitenziario: dormitorio, scuola, refettorio, aiuole e campi da giuoco. Ad un livello inferiore è posto un grande campo sportivo. La fabbrica delle arti è aperta anche ai residenti del quartiere[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carcere di Nisida "Voci dal carcere", in Il Mattino, 25 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Somma A., Il riformatorio giudiziario e la colonia agricola di Nisida, “Rassegna di diritto penitenziario”, 1938, 6, pp. 1284-1285.
  • Gennaro Ruggiero I castelli di Napoli, Roma, Newton & Compton, 1995, ISBN 88-7983-760-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]