Castello di Montechiarugolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Montechiarugolo
Castel montechiarugolo.JPG
Facciata principale
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
CittàMontechiarugolo-Stemma.png Montechiarugolo
Coordinate44°41′34″N 10°25′23″E / 44.692778°N 10.423056°E44.692778; 10.423056Coordinate: 44°41′34″N 10°25′23″E / 44.692778°N 10.423056°E44.692778; 10.423056
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Montechiarugolo
Informazioni generali
Tipocastello medievale
Inizio costruzioneXII secolo
Materialelaterizio
Primo proprietariofamiglia Sanvitale
Condizione attualerestaurato
Proprietario attualefamiglia Marchi
Visitabile
Sito webSito ufficiale
Informazioni militari
Funzione strategicadifesa della Val d'Enza
[1]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello di Montechiarugolo è un maniero d'epoca medievale che sorge in piazza Mazzini 1 a Montechiarugolo, in provincia di Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'originario presidio militare a difesa della val d'Enza fu edificato intorno al 1121 da parte della famiglia Sanvitale; nel 1255[1] pervenne al conte Guido Anselmo, il cui ramo fu in seguito conosciuto col nome di Guidanselmi.[2]

Nel 1313 Giovannino Sanvitale si alleò con i Baratti e i da Palù, ribellandosi ai guelfi parmigiani; il podestà cittadino, aiutato da Giberto III da Correggio, assediò il castello, costringendo gli insorti alla resa; la fortezza e il vicino borgo furono completamente distrutti.[1]

Entrata Parma sotto il dominio del Ducato di Milano nel 1348,[3] negli anni seguenti i Visconti fecero ricostruire il castello a presidio della vallata.[1]

Nel 1404 i da Correggio e i Rossi presero possesso del maniero, ma furono attaccati da Ottobuono de' Terzi, signore di Parma, che li costrinse alla resa e riconsegnò la fortezza ai duchi di Milano, suggerendo loro di affidarlo a Guido Torelli, abile condottiero. Nel 1406 Giovanni Maria Visconti fregiò ufficialmente dei feudi di Montechiarugolo e Guastalla il Torelli, che avviò la ricostruzione del castello nelle forme attuali; nel 1428 Filippo Maria Visconti riconfermò la signoria ai Torelli, che insignì del titolo di conti.[1]

Nel 1449, alla scomparsa di Guido Torelli, i suoi due figli ereditarono i feudi paterni, ma presto entrarono in conflitto per la loro suddivisione; nonostante la mediazione di Francesco Sforza, nel 1456 Pietro Guido si impossessò con la forza del castello di Montechiarugolo, assegnato a suo fratello Cristoforo, che lo contrattaccò e ne ottenne la restituzione.[1]

Nel 1500, durante gli scontri che opposero il re di Francia Luigi XII a Ludovico il Moro, alleato dei Torelli, il maniero fu attaccato con colpi d'artiglieria e danneggiato da Gian Giacomo Trivulzio, che lo consegnò ad Antoine de Gimel, governatore di Parma; tre anni dopo Francesco Torelli riacquistò la fortezza, che risistemò in seguito ai saccheggi.[1]

Verso la metà del XVI secolo il castello ospitò il re di Francia Francesco I ed il papa Paolo III.[4]

Nel 1551, durante la guerra di Parma, che oppose il duca Ottavio Farnese, appoggiato dal re di Francia Enrico II, e il papa Giulio III, alleato dell'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V d'Asburgo, il maniero fu nuovamente attaccato e occupato; al termine del conflitto i Torelli ne rientrarono in possesso.[1] Negli anni seguenti Pomponio Torelli avviò numerosi interventi decorativi degli interni del maniero, trasformandolo in residenza signorile.[3]

Antonio Pasini, Il castello di Montechiarugolo, inizio XIX secolo

Suo figlio Pio gli successe nel 1608, ma tre anni dopo fu accusato, insieme ai Sanvitale di Sala Baganza e di Fontanellato, ai conti Barbara Sanseverino ed Orazio Simonetta e ad altri nobili, di congiura ai danni del duca Ranuccio I Farnese, che ne ottenne la condanna a morte e la confisca di tutti i beni, ponendo fine all'esistenza della contea di Montechiarugolo.[5]

Nei secoli successivi il castello, appartenente alla Camera Ducale di Parma, fu utilizzato come magazzino di beni alimentari.[6]

Il 4 ottobre del 1796 il maniero fu al centro di uno scontro di modeste dimensioni ma grande risonanza, noto come battaglia di Montechiarugolo: un gruppo di miliziani appartenenti all'esercito austriaco, in fuga dalle truppe napoleoniche che avevano assediato la città di Mantova, si diresse verso il Granducato di Toscana; la neonata Repubblica Reggiana inviò una spedizione che, con l'aiuto di alcuni soldati francesi, costrinse i nemici a cercare un riparo nel castello di Montechiarugolo, ove avvenne lo scontro armato, al cui termine gli austriaci furono costretti alla resa.[7] Napoleone stesso commemorò i due reggiani caduti in battaglia ed elogiò l'impresa, che probabilmente rappresentò la prima avvisaglia del Risorgimento Italiano.[8]

Durante il governo della duchessa Maria Luigia, la fortezza fu adibita a magazzino militare[6] e fabbrica di polvere da sparo, causando il danneggiamento di parte dei decori di alcune sale, tra cui in particolare il Salone delle Feste e la Sala dei Quattro Elementi o delle Sirene.[9]

In seguito all'Unità d'Italia, nel 1864 il maniero fu alienato dal Demanio pubblico ad Antonio Marchi, i cui discendenti ancora ne sono proprietari.[9]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Rivellino d'ingresso a sud
Fronte sulla val d'Enza

Il castello si sviluppa su una pianta irregolare, attorno a due cortili interni, di cui quello centrale, d'onore, molto più ampio dell'altro; posizionato strategicamente sulla scarpata naturale ai margini dell'alveo del torrente Enza, è circondato sui lati opposti al corso d'acqua da un largo e profondo fossato, varcabile in origine attraverso due distinti ponti levatoi, collocati in corrispondenza dei due rivellini ancora esistenti, seppur danneggiati durante i numerosi attacchi subiti dalla fortezza nei secoli.[6]

In origine la rocca era difesa anche da una seconda cinta muraria più esterna, edificata lungo il perimetro del borgo, dotata di bastioni in corrispondenza degli spigoli; modificata con l'aggiunta delle cannoniere nella seconda metà del XV secolo, in seguito alla nascita dell'artiglieria, ne rimangono alcune significative tracce sul margine nord-occidentale del centro storico del paese.[10]

La facciate in laterizio della fortezza mostrano con evidenza i tratti tipici dei castelli d'epoca tardo-medievale, soprattutto nelle fronti sud-ovest e nord, interamente coronate dai merli ghibellini, ancora perfettamente visibili nonostante la copertura del tetto aggiunta a protezione dei camminamenti, sostenuti dai numerosi beccatelli con caditoie; fra i due cortili interni emerge l'alto mastio, che domina l'intera costruzione.[6]

Il lato verso la vallata è arricchito dalla notevole loggia in aggetto; sostenuta da alti beccatelli, è ricoperta da un tetto a falda unica, poggiante su una serie di sottili colonnine con capitelli lotiformi realizzate in arenaria.[11]

Il castello in occasione del 150º Anniversario dell'Unità d'Italia
Il castello visto da nord

Attraversando il giardino d'ingresso a sud e il ponticello in muratura che scavalca il fossato, si accede al rivellino meridionale, collegato con il castello da un secondo ponticello, in sostituzione del ponte levatoio, la cui antica esistenza è tradita dalla presenza delle due alte fessure che ne ospitavano i bolzoni; varcando l'arco a tutto sesto d'entrata, si giunge al cortile d'onore, il cui lato meridionale è caratterizzato da un porticato ad arco, sostenuto da una serie di colonne poligonali in mattoni, coronate da capitelli lotiformi.[12] Al centro sono collocate, oltre ad alcune antiche palle di cannone disposte a piramide, due statue settecentesche provenienti dal giardino della Reggia di Colorno, che furono acquistate dalla famiglia Marchi alla fine del XIX secolo.[13]

Oltre l'alto mastio si apre il cortile del pozzo, di dimensioni notevolmente più modeste del precedente.[12]

Dal lato nord del cortile d'onore si accede invece al Castellazzo, antico bastione oggi adibito ad elegante giardino, collegato al castello attraverso un ponticello in muratura che sostituisce l'antico ponte levatoio; ricco di siepi, roseti e peonie, il parco è sostenuto da imponenti mura in laterizio, parzialmente crollate verso la vallata, la cui elevata altezza in origine consentiva un'ampia visuale sulla pianura adiacente.[14]

Sale interne[modifica | modifica wikitesto]

Le sale interne, arredate con mobili e dipinti antichi, presentano i tratti tipici delle dimore signorili cinquecentesche, conferiti dal conte Pomponio Torelli, umanista e letterato, che richiamò nel castello vari artisti dell'epoca.[15]

Salone delle Feste[modifica | modifica wikitesto]

Direttamente collegato con il cortile d'onore, il Salone delle Feste, illuminato da eleganti trifore neogotiche,[16] è caratterizzato dai pregevoli affreschi che decorano metà delle volte a crociera di copertura e le ampie lunette da esse sottese; le pitture, realizzate nel XVI secolo dalla scuola di Cesare Baglioni, rappresentano motivi a grottesca ed intrecci vegetali, con monocromi di figure femminili; tra i numerosi stemmi, spiccano in particolare quelli di tre importanti prelati imparentati con i Torelli: il papa Pio V, il cardinale Agostino Trivulzio ed il cardinale Michele Monelli; al centro della volta è invece presente il biscione, emblema dei Visconti.[17] Tra gli altri stemmi, disposti probabilmente secondo la sequenza dei matrimoni dei membri della casata dei Torelli, sono distinguibili quelli dei Contrari, dei Pico, dei Nobili, dei Torelli di Coenzo, degli Anguissola, dei Bentivoglio e dei Masi, oltre che dei Rossi di San Secondo e dei Barbiano di Belgioioso.[18]

Arricchiscono l'ampio ambiente pregiati arredi antichi e numerosi ritratti in parte appartenuti ai Farnese, ivi collocati dalla famiglia Marchi dopo il 1864.[18]

Camera di Mezzo[modifica | modifica wikitesto]

La Madonna, particolare dell'Annunciazione, Camera di Mezzo

La sala conserva nelle due strombature della finestra che dà sul loggiato l'opera di maggior pregio pittorico dell'intero castello: l'Annunciazione, suddivisa fra il lato sinistro, con l'arcangelo Michele, e quello destro, con la Madonna; l'affresco, dai tratti tipici dello stile gotico lombardo, fu realizzato da un allievo di Michelino da Besozzo nella seconda metà del XV secolo.[19]

La volta a crociera di copertura è invece decorata con affreschi raffiguranti Putti spargifiori, risalenti agli inizi del XVII secolo.[18]

Sala dei Quattro Elementi o delle Sirene[modifica | modifica wikitesto]

La sala, anch'essa coperta da una volta a crociera, conserva solo alcune tracce degli affreschi quattrocenteschi che la decoravano, danneggiati irreparabilmente nei secoli. In origine le pareti erano interamente ornate con un reticolo a losanghe, ricco di scritte, anelli gemmati e stemmi dei Borromeo, a testimonianza dello stretto legame che univa Guido Torelli e Vitaliano I Borromeo; oggi solo la parete opposta all'ingresso ne conserva numerose tracce, tra cui campeggia il motto Humilitas, a caratteri gotici.[18]

Sul muro opposto è invece ancora visibile un frammento deteriorato del ciclo pittorico cinquecentesco che adornava l'ambiente, raffigurante un'imbarcazione, in riferimento al celebre episodio del canto delle sirene descritto nell'Odissea.[20]

Arricchiscono l'ambiente quattro importanti tele realizzate a tempera nella seconda metà del XVIII secolo dal pittore Domenico Muzzi, che raffigurano i quattro elementi: acqua, aria, terra e fuoco. Nella sala è inoltre collocato un modellino in legno dipinto e metallo, raffigurante un tempietto d'Arcadia, realizzato probabilmente dall'architetto Ennemond Alexandre Petitot nel 1769. I dipinti e la struttura lignea, in origine collocati all'interno della Reggia di Colorno, furono acquistati da Antonio Marchi verso la fine del XIX secolo.[20]

Nella stanza è infine presente una grande tela raffigurante Pia dei Tolomei, risalente all'incirca al 1850; l'ambiente è di conseguenza conosciuto anche con il nome di "Camera della Pia".[18]

Camera dei "gatti"[modifica | modifica wikitesto]

L'ambiente, collocato in adiacenza alla Camera di Mezzo, è decorato da affreschi parietali quattrocenteschi, riscoperti e ridipinti tra il 1920 ed il 1930, raffiguranti un motivo a losanghe, arricchito da numerose sigle di Guido Torelli, motti ed emblemi, tra cui il leone rampante (o "gatto"), assegnato al Torelli nel 1424, successivamente alla liberazione della città di Napoli dagli aragonesi.[18]

La volta a crociera del soffitto e le lunette da esso sottese sono invece ornate da affreschi realizzati originariamente tra la fine del XVI secolo e gli inizi del XVII, ma ridipinti nel XX secolo, rappresentanti numerose raffigurazioni allegoriche, tra cui la Fama, la Fortuna, la Virtù guerriera e l'Abbondanza (o Fortezza).[18]

Camera Antica[modifica | modifica wikitesto]

Ad angolo sorge la camera da letto, in origine forse adibita a studio di Pomponio Torelli. La volta a crociera del soffitto e le lunette delle pareti sono interamente decorate con un ciclo di affreschi incentrato, secondo le interpretazioni più diffuse, sulla vita dell'uomo, tra putti ed angeli in monocromo; i quattro spicchi in sommità rappresenterebbero le principali attività maschili: la pesca, la guerra, la pastorizia e l'agricoltura; le quattro lunette raffigurerebbero allegoricamente altrettanti momenti della giornata: alba, giorno, tramonto e sera.[6] Secondo uno studio risalente al 2006, i dipinti della volta rappresenterebbero invece le allegorie della Forza fisica, dell'Ingegno, della Fortuna benevola e della Felicità, mentre nelle lunette sarebbero raffigurati la Notte, il Giorno, il Tempo rivelatore della Verità e la Considerazione accanto alla Vigilanza ed al Discernimento.[21] I dipinti furono realizzati nella seconda metà del XVI secolo, probabilmente dai pittori parmigiani Innocenzo Martini o Giovanni Antonio Paganino,[16] anche se gli studi più recenti ne attribuiscono la paternità al pittore Cesare Baglioni.[21]

L'arredamento è costituito da un letto rinascimentale, una culla barocca, un armadio seicentesco ed, alle pareti, un alto rivestimento ligneo risalente alla fine del XVII secolo, proveniente dalla sagrestia della collegiata di San Giovanni Battista a Pieveottoville.[18]

Saletta della Fata Bema[modifica | modifica wikitesto]

Una piccola e buia stanza adiacente conserva in uno spigolo una teca di vetro contenente un'antica mummia egizia, ritrovata nel XVIII secolo all'interno del castello; la tradizione tuttavia vuole che si tratti del corpo della Fata Bema, fantasma a protezione del castello.[6]

Loggiato[modifica | modifica wikitesto]

Loggiato

La quattro sale principali del piano terreno si aprono sul lungo loggiato che aggetta dalla facciata orientale; coperta da un soffitto con travetti lignei, la balconata è caratterizzata dagli affreschi che ne ricoprono le pareti ed il parapetto in muratura, risalenti al XV secolo;[11] le decorazioni, restaurate negli ultimi anni del XX secolo, raffigurano all'interno di losanghe verdi e rosse gli stemmi dei Torelli e dei Visconti, il cui emblema, noto anche come bissa bella,[18] occupa anche l'intero muro di fondo, per rimarcare lo stretto legame che univa le due famiglie.[11]

All'interno delle pitture sono inoltre presenti numerose iscrizioni aggiunte già all'epoca di Guido Torelli, che costituiscono un'importante memoria storica dei principali eventi che coinvolsero la nobile stirpe fino alla sua caduta.[11]

Grazie alla sua posizione, il loggiato si dimostra ancora un eccezionale belvedere panoramico, che consente di dominare l'intera vallata; risulta perfettamente visibile il castello di Montecchio, collocato sul lato opposto del torrente Enza, mentre si scorgono in lontananza quelli collinari di Quattro Castella.[6]

Camminamenti[modifica | modifica wikitesto]

In sommità il castello è perimetralmente percorso da lunghi camminamenti di ronda ancora in buone condizioni, coperti dal tetto in epoca successiva all'edificazione della struttura.[6]

In alcuni punti si aprono, al di sotto delle merlature, delle piccole feritoie tonde, aggiunte verso la fine del XV secolo per ospitare piccole artiglierie.[10]

In corrispondenza dello spigolo nord-ovest, una botola al centro del pavimento dei camminamenti dà accesso ad un piccolo ambiente ricoperto da volta a botte, anticamente utilizzato quale prigione del castello. Non lontano, all'ultimo piano dell'ala nord, si trova una grande sala, in origine adibito ad armeria ma riadattato da Pomponio Torelli a biblioteca, di cui oggi tuttavia non rimangono tracce, a causa della confisca da parte dei Farnese.[18]

Percorso di visita[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è aperto al pubblico dai primi anni 2000 e fa parte del circuito dei castelli dell'Associazione dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli.[22]

Risultano visitabili, oltre al cortile interno, il Salone della Feste, la Camera di Mezzo, la Sala dei Quattro Elementi o delle Sirene, il Loggiato, la Camera dei "gatti", la Camera Antica e la Saletta della Fata Bema.[22]

La leggenda della Fata Bema[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda, tra le mura del castello si aggirerebbe il fantasma della Fata Bema, la cui immaginaria storia è narrata dalla tradizione popolare oltre che dal romanzo La Fata di Montechiarugolo, scritto nel XIX secolo da Alfonso Cavagnari.[23]

La versione più comune del mito racconta che nel maggio del 1593, durante una festa organizzata nel castello cui partecipava anche il duca Ranuccio I Farnese, malaticcio fin dalla nascita, apparve la giovane Bema, bellissima ragazza, che allestì un piccolo palco per predire il futuro degli astanti, affiancata dal suo aiutante Max; anche il piccolo Pio, figlio del conte Pomponio Torelli, si avvicinò curioso di conoscere il proprio futuro; la fata si rifiutò in un primo momento di parlare, ma successivamente, derisa dalle dame di corte, rivelò: "Vedo un lago di sangue, su cui galleggiano nobili teste e vedo anche il capo di questo bambino nel sangue, come quello delle dame presenti."[6] In un primo momento il duca rimase affascinato dalla giovane, tanto da concederle un lasciapassare per muoversi liberamente nel territorio del ducato di Parma e Piacenza; in seguito, tuttavia, temendo di esserne stato manipolato, la fece arrestare e rinchiudere nelle prigioni della Rocchetta a Parma.[23]

Grazie all'appoggio della popolazione[23] ed all'aiuto di Max, Bema riuscì in seguito a fuggire dal carcere, per rifugiarsi a Montechiarugolo, ove il conte Pomponio l'accolse, assumendola per i lavori domestici. Nel periodo ivi trascorso il giovane Pio Torelli se ne innamorò corrisposto, ma la ragazza, considerando l'impossibilità del loro amore a causa della differenza di ceto sociale, fu costretta a respingerlo. In seguito il nobile rampollo fu mandato a Parma per terminare la sua formazione.[6]

Alcuni anni dopo il duca Ranuccio, per impossessarsi della contea di Montechiarugolo, fece arrestare Pio con l'accusa di aver congiurato contro di lui; Bema riuscì a farlo evadere con l'aiuto di Max, ma durante la fuga il conte fu bloccato e riportato in prigione, per poi essere pubblicamente giustiziato il 19 maggio del 1612, assieme ad altri nobili parmensi.[23]

La fata buona non volle più allontanarsi da Montechiarugolo, ove rimase per molti anni, amata da tutti gli abitanti del paese, fino alla sua scomparsa in tarda età.[6]

Da allora la tradizione vuole che il suo fantasma riappaia nel castello ogni anno nella notte fra il 18 ed il 19 maggio e salga in cima all'alto mastio, per guardare verso la città di Parma.[6]

Secondo la leggenda, inoltre, la mummia ritrovata nel XVIII secolo all'interno del maniero sarebbe la sua, poiché accanto al corpo sarebbe stato rinvenuto anche un piccolo foglio con le parole: "Della Bema questo è il corpo, chi felice viver vuole non lo tolga dal suo letto". Ad ogni tentativo di allontanare la mummia dal castello, si sarebbero infatti verificate colossali tragedie, tra cui terremoti, alluvioni ed altre calamità.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Castello Montechiarugolo, su geo.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  2. ^ Affò, p. 89.
  3. ^ a b La storia, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  4. ^ Il castello, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  5. ^ La "congiura dei feudatari" e la fine della signoria dei Torelli, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m Castello di Montechiarugolo o della Bema (Monticelli Terme - Parma), su www.daltramontoallalba.it. URL consultato il 23 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  7. ^ Giuseppe Ligabue, Andrea Rivasi e la Guardia Civica Reggiana (PDF), su www.webalice.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  8. ^ Cenni storici, su www.comune.montechiarugolo.pr.it. URL consultato il 23 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  9. ^ a b Da fortezza a dimora privata, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  10. ^ a b I Camminamenti, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  11. ^ a b c d Il loggiato, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  12. ^ a b Il Cortile d'Onore, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  13. ^ Il castello di Montechiarugolo, storia e segreti da sfogliare, su www.gazzettadiparma.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  14. ^ Il Castellazzo, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  15. ^ Gli Interni, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  16. ^ a b Castello, Montechiarugolo (PDF), su www.fondoambiente.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  17. ^ Il Salone delle feste, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  18. ^ a b c d e f g h i j Mordacci.
  19. ^ La Camera di mezzo, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  20. ^ a b La Sala dei Quattro Elementi o delle Sirene, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  21. ^ a b Cattani, Colla.
  22. ^ a b Castello di Montechiarugolo, su www.castellidelducato.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  23. ^ a b c d La Fata Bema, su www.castellodimontechiarugolo.it. URL consultato il 23 settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ireneo Affò, Storia della città di Parma, Tomo terzo, Parma, Stamperia Carmignani, 1793.
  • Rossella Cattani, Stefania Colla, Il Castello di Montechiarugolo... fortissima e inespugnabile fabrica, Parma, Monte Università Parma MUP, 2006.
  • Alessandra Mordacci, Il Castello di Montechiarugolo, Parma, Gazzetta di Parma, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]