Castello di Minowa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Minowa
箕輪城
Minowajyo.jpg
Stele celebrativa presso le rovine del castello di Minowa
Ubicazione
Stato attualeGiappone Giappone
RegioneGunma
CittàTakasaki
Coordinate36°24′17.82″N 138°57′03.45″E / 36.40495°N 138.950958°E36.40495; 138.950958Coordinate: 36°24′17.82″N 138°57′03.45″E / 36.40495°N 138.950958°E36.40495; 138.950958
Mappa di localizzazione: Giappone
Castello di Minowa
Informazioni generali
TipoCastello giapponese
Costruzione1512-1526
MaterialeLegno, Pietra
Condizione attualeRovine
Visitabile
Informazioni militari
Funzione strategicaPresidio militare, Residenza
Termine funzione strategica1598
Azioni di guerraAssedio di Minowa
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Minowa (箕輪城 Minowa-jō?) era un castello giapponese situato a Takasaki, nella prefettura di Gunma, Giappone. Oggi ne rimangono solo le rovine, le quali costituiscono uno dei siti archeologici più grandi di Gunma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Minowa venne edificato nel 1512[1] per volontà di Nagano Narimasa del clan Nagano (seguaci del clan Uesugi), fuori Nagano nella provincia di Kozuke. Nel 1566 il castello, comandato da Nagano Narimori (signore del castello dalla morte del padre Narimasa, avvenuta nel 1561)[2] e da Kamiizumi Nobutsuna, fu assediato dal clan Takeda, guidato da Takeda Shingen, dando inizio a quello che divenne noto come l'assedio di Minowa. L'assedio si concluse con la vittoria del clan Takeda e la morte di Narimori, mentre Kamiizumi Nobutsuna riuscì a mantenere la difesa di una piccola area del castello. Questo perseveranza colpì Takeda Shingen che cercò di convincere inutilmente Nobutsuna a passare dalla sua parte.

Conclusosi l'assedio, il castello passò nelle mani del clan Takeda, del clan Oda e del clan Hōjō.[1]

Nel 1590, Ii Naomasa, del clan Ii, ne divenne il signore. Egli tenne il castello per otto anni, prima di abbandonarlo in favore del castello di Takasaki.[1]

Rimangono come vestigia del castello le mura di pietra, i terrapieni ed i fossati. Le rovine costituiscono uno dei siti archeologici più grandi della prefettura di Gunma.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]