Castello di Heidelberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Heidelberg
Il castello di Heidelberg
Il castello di Heidelberg
Stato Germania Germania
Regione Baden-Württemberg Baden-Württemberg
Città Heidelberg
Coordinate 49°24′36″N 8°42′57″E / 49.41°N 8.715833°E49.41; 8.715833Coordinate: 49°24′36″N 8°42′57″E / 49.41°N 8.715833°E49.41; 8.715833
Informazioni generali
Tipo castello
Materiale pietra arenaria
Sito web http://www.schloss-heidelberg.de/

fonti nel testo

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Heidelberg (ted. Schloss Heidelberg) è uno dei più celebri castelli tedeschi.

Non deve essere confuso con il Castello Heidelberg di Hohentannen, nel Canton Turgovia, in Svizzera - o Heidelberger Schloss, XIII - XVII secolo

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il pittoresco castello, dei cui interni rimangono per lo più delle rovine in seguito ai danneggiamenti subiti durante la guerra dei trent'anni e la guerra con la Francia del 1689, è il risultato degli ampliamenti di un castello gotico del XIII secolo.[1]

Dopo la distruzione da parte dei soldati di Luigi XIV il castello è stato restaurato solamente in parte nel 1689 e nel 1693. Le sue rovine, in pietra arenaria rosa proveniente dalla valle del Neckar, sono adagiate a un livello di circa 80 metri sulla città antica, sul pendio settentrionale del Königstuhl, e sono raggiungibili, oltre che a piedi, anche grazie a un collegamento con una funicolare.

Pianta del castello da Meyers Konversations-Lexikon (1888)

L'ala della costruzione denominata Ottheinrichsbau, che ospita il Museo della farmacia, è considerata una delle opere di maggior valore del Rinascimento tedesco.

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli edifici e i punti d'interesse all'interno del castello di Heidelberg, vi sono:[1]


Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b A.A.V.V., Germania, Mondadori, Milano, 2002 - 2005, p. 282

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN173440904 · LCCN: (ENsh2013000930 · GND: (DE4134967-2