Castello di Gossolengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Gossolengo
Gossolengo Castello.jpg
Il castello
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
CittàGossolengo
Indirizzovia Marconi 48 ‒ Gossolengo (PC)
Coordinate45°00′12.35″N 9°36′48.75″E / 45.003431°N 9.613542°E45.003431; 9.613542
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Gossolengo
Informazioni generali
TipoCastello medievale
MaterialeLaterizio e ciottoli di fiume
Condizione attualeBuona
Artocchini, p. 212
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Gossolengo è una fortificazione, situata a Gossolengo, in provincia di Piacenza. L'edificio si trova nel centro di Gossolengo, nella pianura Padana a pochi chilometri dal fiume Trebbia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Relativamente al castello, che venne costruito in epoca imprecisata[1], forse nel corso degli ultimi anni del XII secolo[2], sono presenti pochissime notizie storiche, a differenza della località di Gossolengo, la quale nel 1254 faceva parte delle proprietà del Capitolo della cattedrale di Piacenza[1].

Nel 1314, nelle campagne gossolenghesi ci fu uno scontro tra la fazione dei popolari, la quale era favorevole al signore guelfo Alberto Scotti, e la fazione favorevole ai Visconti, guidata dal condottiero di ventura Nello da Massa. Il combattimento si concluse con la sconfitta dei filoviscontei che subirono anche la morte di 16 persone e la cattura di diverse altre[1].

Nel 1636 il castello fu occupato da una guarnigione di truppe spagnole impegnate in azioni militari contro il duca di Parma e Piacenza Odoardo I Farnese, mentre nel 1647 tanto il borgo di Gossolengo quanto il forte risultavano appartenere al monastero di San Sisto di Piacenza[1].

A seguito dell'unità d'Italia il castello divenne parte delle proprietà del demanio militare che, fino al 1914, lo impiegò come sede per la locale scuola di tiro[1].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, costruito in cotto e ciottoli provenienti dal fiume Trebbia, si caratterizza per una pianta rettangolare con cortile interno e due basse torri localizzate sulla facciata d'ingresso[1] ed è stato fortemente modificato rispetto alla sua struttura iniziale[3]. L'originario accesso al castello era dotato di ponte e ponticello levatoi a scavalco del fossato, poi interrato; pur essendo stati successivamente eliminati, rimangono visibili alcune tracce dei due ponti[1].

All'interno, in una stanza con soffitto a volta posta nei pressi del basamento di una delle torri, sono presenti degli affreschi rinvenuti nel 1936 in occasione dell'esecuzione di alcuni interventi manutentivi e il cui restauro venne in seguito curato da parte del pittore piacentino Luciano Ricchetti. Le opere sono state successivamente attribuite ad un anonimo e datate nel periodo compreso tra il XIV e il XV secolo. Esse sono poste in una delle pareti di fondo, tripartita dalle volte del soffitto, e vedono raffigurate una Natività con Santi a cui fanno da sfondo fortificazioni militari e pareti rocciose e un'Annunciazione con Beati[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Artocchini, p. 212.
  2. ^ Cenni storici, su comune.gossolengo.pc.it. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  3. ^ Castello di Gossolengo, su preboggion.it. URL consultato il 23 gennaio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carmen Artocchini, Castelli piacentini, Piacenza, Edizioni TEP, 1983 [1967].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Gallione, Castello di Gossolengo, su altavaltrebbia.net, 13 settembre 2012. URL consultato il 1º dicembre 2019.