Castello di Castelnaud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Castelnaud
Château de Castelnaud
Vue d'ensemble Château de Castelnaud.jpg
Ubicazione
Stato attualeFrancia Francia
RegionePérigord
CittàCastelnaud-la-Chapelle
Coordinate44°48′57″N 1°08′56″E / 44.815833°N 1.148889°E44.815833; 1.148889Coordinate: 44°48′57″N 1°08′56″E / 44.815833°N 1.148889°E44.815833; 1.148889
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzioneXIII secolo
VisitabileSi
Sito webwww.castelnaud.com
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Castelnaud è una fortezza medievale situata nella città di Castelnaud-la-Chapelle, nel dipartimento francese della Dordogna. Dal 1980 il castello è classificato tra i monumenti storici francesi, mentre il suo castelletto di entrata figura tra gli iscritti.

Situato alla confluenza della valle della Dordogna e la valle del Céou, il castello di Castelnaud fronteggia la fortezza di Beynac, sua eterna rivale, i Giardini Marqueyssac e il villaggio di La Roque-Gageac.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un primo castello fu costruito nel XII secolo, prima di essere distrutto durante la Crociata albigese guidata dagli eserciti di Simone IV di Montfort. Un nuovo castello fu ricostruito nel XIII secolo.

Spesso in mano inglese durante la guerra dei cent'anni, fu definitivamente preso nel 1442 dagli eserciti del re di Francia, Carlo VII. Dopo il conflitto, la famiglia Caumont recuperò il castello e ne rimase proprietaria fino alla Rivoluzione.

Costantemente adeguato al progresso delle artiglierie, il lavoro di sviluppo e miglioramento continuò fino al XVII secolo.

Dopo essere stato abbandonato con la Rivoluzione, il castello fu utilizzato come cava di pietra nel 1832.

Eccezionale esempio di fortificazione feudale privata, il suo disegno architettonico è razionale ed efficace: la torre protegge l'ingresso principale, e, costellate di numerose feritoie, le sue mura sono parte di un efficiente sistema difensivo su più linee.

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurato nel 1985, il museo della guerra nel Medioevo occupa le sale della casa signorile. Ospita 250 pezzi: armi tra il XIII e il XVII secolo, provenienti da Europa (spade, alabarde, armature, balestre, pistole), ricostruzioni di macchine d'assedio ed una serie di mobili. L'esposizione è articolata in modo dinamico, secondo una successione di spazi diversi: sala dell'artiglieria, corridoi, armerie, modellini, sale video, cortili, magazzini d'armi, casematte, bottega dell'armaiolo, cucina, ecc. per un totale di quindici sale.

Riconoscimento di storicità[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'iscrizione semplice a titolo di monumento storico, nel 1966, il castello e le sue mura sono classificati il 28 ottobre 1980, e lo stesso giorno venne iscritto tra i monumenti storici il castelletto di guardia all'entrata.[1]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 il castello è stato il secondo luogo turistico più frequentato della Dordogna, con 245 000 visitatori, dietro alle grotte di Lascaux.[2].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate al castello[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Scheda sul castello, dal sito del ministero francese della cultura
  2. ^ Le Périgord veut attirer toujours plus de touristes, Sud Ouest, edizione della Dordogna, 13 marzo 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jacques Gardelles, Le château de Castelnaud, pp. 272–286, in Congrès archéologique de France. 137ª sessione. Périgord Noir. 1979, Société Française d'Archéologie, Parigi, 1982

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia