Castello di Casanova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Casanova
Castello Casanova Piozzano.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
CittàPiozzano
Coordinate44°55′04.84″N 9°29′45.74″E / 44.91801°N 9.49604°E44.91801; 9.49604
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Casanova
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzione1646
MaterialePietra e laterizio
Primo proprietarioFerrante Peveri Fontana
Condizione attualeBuona
Proprietario attualeFamiglia Chitti
Visitabileno
Artocchini, pp. 136-140
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Casanova o Cà Nova è un castello situato nel comune italiano di Piozzano, in provincia di Piacenza. L'edificio è situato di fronte al capoluogo comunale, sulla sponda destra del torrente Luretta[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello venne edificato nel 1646 da parte del conte Ferrante Peveri Fontana; per la sua costruzione vennero riutilizzate i materiali pietrosi provenienti dal distrutto Castelvecchio di Piozzano che si trovava sulla sponda opposta del Luretta[2]. Successivamente la proprietà del fortilizio passò alla Camera Ducale farnesiana[2].

Nel 1702 la Camera Ducale dichiarò libero e allodiale e non soggetto ad alcuna feudalità il controverso palazzo di Piozzano, chiamato la Casa Nuova, eccettuato la parte vecchia di detto palazzo ossia il castello. Il 10 ottobre dello stesso anno il duca di Parma e Piacenza Francesco Farnese concesse al marchese Gaetano Peveri Fontana la parte vecchia del palazzo, la quale era stata dichiarata soggetta alla Camera Ducale. Successivamente, il fortilizio passò dalla famiglia Peveri Fontana alla famiglia Chitti[2].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio ha subito, nel corso dei secoli, dei rimaneggiamenti che lo hanno trasformato in dimora signorile; rimangono tuttavia visibili alcuni dei caratteri militari originari. Le principali modifiche apportate al complesso riguardano le parti alte della costruzione, che sono state abbattute poiché pericolanti; nonostante ciò l'edificio conserva ancora una certa imponenza[2]. Si caratterizza per una struttura quadrangolare con torri poste sugli angoli, tre delle quali ancora presenti, mentre la quarta è stata demolita nel Novecento L'edificio era dotato, in origine, di una pusterla con ponte levatoio, della quale rimangono solo alcune tracce[1].

Il cortile interno presenta due loggiati, uno con arcate a sesto acuto e l'altro a tutto sesto. L'arcata del portone di ingresso è sormontata da uno scudo araldico a cartoccio realizzato in pietra e che non presenta alcuna insegna[2]. La tradizione vuole che un cunicolo sotterraneo lo colleghi al vicino e più antico Castelvecchio[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Comune di Piozzano, Piano Strutturale Comunale, p. 103.
  2. ^ a b c d e Artocchini, pp. 136-140.
  3. ^ Storia e Territorio, su comune.piozzano.pc.it. URL consultato il 25 marzo 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]