Castello di Bonneville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Bonneville
Château de Bonneville
Bonneville 050818 (5).JPG
Il castello di Bonneville
Ubicazione
Stato attualeBelgio
RegioneProvincia di Namur
CittàBonneville
Coordinate50°28′12.1″N 5°02′05.8″E / 50.470028°N 5.034944°E50.470028; 5.034944Coordinate: 50°28′12.1″N 5°02′05.8″E / 50.470028°N 5.034944°E50.470028; 5.034944
Informazioni generali
Inizio costruzioneXV secolo
Proprietario attualeBaudouin de Theux
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Bonneville (in francese château de Bonneville) è un castello della provincia di Namur in Belgio, situato nel villaggio di Bonneville, ex comune belga incorporato nella città di Andenne (Regione vallone).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente si trattava di una fattoria con mastio del XV secolo. Nel 1617, Jacques de Zualart, ricco personaggio e borgomastro di Namur, acquistò la tenuta, divenendo signore di Sclayn-Bonneville, e iniziò la costruzione dell'ala principale nord dell'edificio, che divenne così un castello armonioso con una facciata in stile rinascimentale della Mosa, caratterizzata dall'alternanza di mattoni e di cordoni di pietra calcarea.

Tilmant de Zualart, figlio di Jacques, andò in bancarotta mentre la costruzione era in corso e, verso il 1690, divenne proprietario e signore di Bonneville il suo maggiore creditore, il cavaliere Jean-Hubert de Tignée.

Da allora il castello di Bonneville non è stato più venduto per dieci generazioni e appartiene ancora al suo diretto discendente, il cavaliere Baudouin de Theux, e a sua moglie.

La proprietà è rimasta invariata nell'aspetto; nel XVIII secolo il castello fu impreziosito con gli splendidi saloni e i giardini alla francese.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Norbert Bastin, Les Châteaux de Hesbaye, dans Visage de la Hesbaye, Émile Bouvier, éditions ETC, Tournai, 1975.
  • Ministère de la Culture française, La Patrimoine monumental de la Belgique, volume 5, Solédi, Liegi, 1975, ISBN 2-8021-0008-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Belgio Portale Belgio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Belgio