Castello del Conte Verde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello del Conte Verde
Castrum Capriarum
Castello conte verde sfonod pirchiriano.jpg
Il castello e sullo sfondo la sacra di San Michele
StatoDucato di Savoia
Stato attualeItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
CittàCondove
Coordinate45°06′46″N 7°19′28″E / 45.112778°N 7.324444°E45.112778; 7.324444Coordinate: 45°06′46″N 7°19′28″E / 45.112778°N 7.324444°E45.112778; 7.324444
Mappa di localizzazione: Italia
Castello del Conte Verde
Informazioni generali
Costruzionesecolo XIV, su resti di costruzioni più antiche-XVI secolo
Primo proprietarioabbazia di San Giusto di Susa
Condizione attualerudere
Proprietario attualeComune di Condove
Visitabileoccasionalmente
Sito webwww.comune.condove.to.it
Informazioni militari
Funzione strategicacontrollo confine con la Sacra di San Michele
Castello del Conte Verde, scheda su www.provincia.torino.gov.it
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il cosiddetto castello del Conte Verde (anche noto come Castellazzo) è un edificio militare - ormai ridotto a rudere - situato in provincia di Torino, su una piccola altura tra Caprie e Condove (nel territorio di quest'ultimo), nella bassa valle di Susa, tra i monti Pirchiriano (su cui sorge la celebre sacra di San Michele) e Caprasio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda faceva parte delle fortificazioni delle chiuse longobarde, ma le prime notizie risalgono ad atti notarili del XIII secolo: il castello viene citato come Castrum Capriarum e figura tra i territori su cui i Savoia esercitavano diritti di baronia.[1] L'edificio, tuttavia, non era di loro proprietà, bensì sede della Castellania di San Giusto di Susa; era quindi una sede abbaziale in cui si trovavano un tribunale e un carcere, presidiati da un esiguo numero di soldati. La tradizionale denominazione che la attribuisce al Conte Verde Amedeo VI di Savoia non ha invece alcun riscontro storico.

Al centro dell'edificio, su un masso erratico, è stata posta una lapide che recita: "Su questo dosso roccioso plasmato nei millenni dal ghiacciaio quaternario valsusino Carlo Magno Re dei Franchi sostò coi suoi condottieri nel 773 d.C. dopo la battaglia delle Chiuse d'Italia che pose fine al secolare regno dei Longobardi e segnò l'inizio del Sacro Romano Impero".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]