Castello Piccolomini (Balsorano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello Piccolomini
Visuale del castello nel film La cripta e l'incubo
Visuale del castello nel film La cripta e l'incubo
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Abruzzo Abruzzo
Città Balsorano
Coordinate 41°48′02.0988″N 13°34′26.1978″E / 41.800583°N 13.573944°E41.800583; 13.573944Coordinate: 41°48′02.0988″N 13°34′26.1978″E / 41.800583°N 13.573944°E41.800583; 13.573944
Informazioni generali
Tipo Castello
Inizio costruzione XV secolo
Condizione attuale Agibile e visitabile
Sito web Link

www.terremarsicane.it/marsica/content/castello-di-balsorano

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Piccolomini è sito nella frazione di Balsorano Vecchio o Balsorano Castello, nel comune di Balsorano, in provincia dell'Aquila[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello Piccolomini oggi, in una foto a colori

Il castello di Balsorano fu eretto sulle fondamenta di un'altra antica struttura, da Antonio Piccolomini, nipote di papa Pio II e genero di Ferrante Secondo, intorno all'anno 1460. Successivamente Antonio ne assunse il comando come baronia.

In seguito conobbe vari passaggi di signoria feudale (gli stessi di Balsorano) tra cui Carlo Lefebvre, fino agli attuali Fiastri Zannelli che lo hanno trasformato in albergo-ristorante. Negli anni 30 sono stati eseguiti dei restauri a causa dei disastri creati dal terremoto della Marsica del 1915, ma conserva tuttora elementi originari dell'epoca.

È stato spesso usato come location di film italiani, specialmente negli Anni Sessanta e Settanta.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La pianta è di forma pentagonale-irregolare mentre la struttura è in pietra. Il principale accesso è pedonale dal parco di fronte che immette in un cortile ad L con pozzo. I palazzi tutt'intorno sono impreziositi da bifore e trifore. L'aspetto esterno è medievale-rinascimentale.

Location[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli anni '60 e gli anni '70, al castello furono girati diversi film gialli ed horror, i più celebri dei quali furono La cripta e l'incubo, Il boia scarlatto, Assassino senza volto, Riti, magie nere e segrete orge nel trecento e La sanguisuga conduce la danza. Intorno alla metà degli anni '90, il castello divenne la location per alcuni film pornografici diretti da Joe D'Amato e Franco Lo Cascio che videro protagonista, tra gli altri, l'attore porno Rocco Siffredi[2].

I film girati al castello sono[3]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autori Vari, Castello Piccolomini, Regione Abruzzo. URL consultato il 23 aprile 2012.
  2. ^ Balsorano, quando al castello arrivò Siffredi, Il Centro.
  3. ^ Dizionario del turismo cinematografico, FilmTv.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Marialuce Latini, Il Castello Piccolomini - Balsorano (AQ) in Guida ai Castelli d'Abruzzo, Pescara, Carsa Edizioni, 2000, pp. 94-95, ISBN 88-85854-87-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]