Castellina Marittima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castellina Marittima
comune
Castellina Marittima – Stemma Castellina Marittima – Bandiera
Castellina Marittima – Veduta
Panorama di Castellina Marittima
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Amministrazione
SindacoManolo Panicucci (liste civiche di centrosinistra) dal 12-6-2017
Territorio
Coordinate43°24′46″N 10°34′38″E / 43.412778°N 10.577222°E43.412778; 10.577222 (Castellina Marittima)Coordinate: 43°24′46″N 10°34′38″E / 43.412778°N 10.577222°E43.412778; 10.577222 (Castellina Marittima)
Altitudine375 m s.l.m.
Superficie45,52 km²
Abitanti1 970[2] (30-6-2017)
Densità43,28 ab./km²
FrazioniLe Badie, Malandrone, Terriccio
Comuni confinantiCecina (LI), Chianni, Riparbella, Rosignano Marittimo (LI), Santa Luce
Altre informazioni
Cod. postale56040
Prefisso050
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT050010
Cod. catastaleC174
TargaPI
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)
Nome abitanticastellinese, castellinesi[1]
Patronosan Giovanni Decollato
Giorno festivo29 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castellina Marittima
Castellina Marittima
Castellina Marittima – Mappa
Posizione del comune di Castellina Marittima all'interno della provincia di Pisa
Sito istituzionale

Castellina Marittima è un comune italiano di 1 970 abitanti[2] della provincia di Pisa in Toscana. Dal 2011 fa parte dell'unione di comuni Unione dei comuni Colli Marittimi Pisani.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

* Classificazione sismica: zona 2 (sismicità medio-alta), Ordinanza PCM 3274 del 20/03/2003[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Forse villaggio di origini etrusche come documentano alcuni reperti archeologici, Castellina fu castello signorile, documentato dal 1276, facente parte della pieve di San Giovanni di Camajano (Castelnuovo della Misericordia).

Il castello fu venduto alla Repubblica di Pisa da Ildebrandono di Sovana. Nel 1406 si sottomise a Firenze con il resto della campagna pisana. Il 17 marzo 1628 i Medici la elevano a feudo granducale col titolo di marchesato concesso a un ramo collaterale degli stessi Medici di Ottajano, la cui estensione andava dal fiume Fine fino a Monte Vaso con il centro di Pomaia con la tenuta del Terriccio e la Val di Perga. Fu feudo fino al 1770.

Nel 1860, dopo il plebiscito indetto da Bettino Ricasoli in tutta la Toscana, venne annesso al Regno di Sardegna che, nel 1861, diventerà Regno d'Italia. Storicamente ebbe attività eminentemente agricole con la produzione soprattutto di cereali, impoverendo gran parte del suo territorio ricco di foreste di cerri e boschi. All'inizio del XIX secolo fu aperta un cava di alabastro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Ecomuseo dell'alabastro

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Musica W: rassegna musicale di gruppi indipendenti

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale di Castellina Marittima è popolato da varie piccole località minori. Tra le quali: Badione, Ceppo Nero, Farsiche, Fornaci, Lame, Le Conche, Papacqua, Poggio Al Sasso, San Girolamo, Spicciano[5].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Castellina Marittima è stato famoso, fino alla prima parte del secolo scorso, per l'escavazione dell'alabastro, usato dagli artigiani locali e della vicina città di Volterra, per la produzione di splendide opere d'arte.

L'economia locale è basata sull'agricoltura, il turismo e alcune attività produttive.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
31 maggio 1985 31 maggio 1990 Alessandro Giari Partito Comunista Italiano Sindaco [6]
31 maggio 1990 24 aprile 1995 Alessandro Giari Partito Democratico della Sinistra, Partito Comunista Italiano Sindaco [6]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Sergio Gambicorti centro-sinistra Sindaco [6]
14 giugno 1999 8 giugno 2009 Manolo Panicucci lista civica Sindaco [6]
8 giugno 2009 30 marzo 2010 Danilo Montagnani lista civica Per Castellina Sindaco [6]
30 marzo 2010 19 luglio 2016 Federico Lucchesi centro-sinistra Castellina Sindaco [6]
19 luglio 2016 12 giugno 2017 Maria Gabriella Folino commissario straordinario Sindaco [6]
12 giugno 2017 in carica Manolo Panicucci lista civica: Il Centro Sinistra Sindaco [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 125.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c Dati del censimento Istat 2011.
  5. ^ Castellima Marittima, su tuttitalia.it. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  6. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN130027662 · GND (DE10158625-5