Castelli della provincia di Piacenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il castello di San Pietro in Cerro

Questa pagina contiene una lista che elenca i castelli della provincia di Piacenza.

La provincia di Piacenza si caratterizza come uno dei territori a maggior densità di fortificazioni[1]: la studiosa di storia locale Carmen Artocchini ha documentato l'esistenza di circa di 330 castelli, a cui si vanno ad aggiungere diversi edifici fortificati minori come strutture satelliti, torri e residenze fortificate di campagna[1]. Numeri così elevati si spiegano con la posizione strategica del territorio piacentino nel contesto del Nord Italia. In epoca medievale i castelli svolsero funzioni di controllo e di presidio del territorio posto esternamente rispetto al capoluogo[1].

La maggior parte dei castelli furono costruiti in due fasi distinte, con caratteristiche peculiari tanto dal punto di vista architettonico quanto dal punto di vista storico[1]: l'incastellamento di altura, svoltosi in età feudale, tra il X e l'XI secolo, prevalentemente in aree collinari e montuose, le quali, con la loro morfologia influenzano fortemente la struttura delle fortificazioni: irregolare e caratterizzata solitamente da più ordini di mura[1], e l'incastellamento di pianura, svoltosi nel basso Medioevo, tra il XIII e il XIV secolo, con funzioni di difesa dei campi coltivati e degli assi viari e che si caratterizza architettonicamente per strutture più regolari[1].

Castelli[modifica | modifica wikitesto]

Pianura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Altoé
Il castello di Sarmato
L'ingresso del castello di Paderna

Val Tidone[modifica | modifica wikitesto]

La Rocca d'Olgisio

Val Luretta[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Monteventano

Val Trebbia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Rivalta

Val d'Aveto[modifica | modifica wikitesto]

Val Perino[modifica | modifica wikitesto]

Val Nure[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Riva

Val Riglio[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Montechino

Val Vezzeno[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Magnano

Val Chero[modifica | modifica wikitesto]

Val Chiavenna[modifica | modifica wikitesto]

Le mura del borgo di Vigoleno

Val d'Arda[modifica | modifica wikitesto]

Val d'Ongina[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Filmato audio Associazione dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli, I Castelli del Piacentino, su YouTube, 23 luglio 2015, a 0 min 29 s. URL consultato il 2 agosto 2021.
  2. ^ a b Artocchini, p. 336.
  3. ^ a b Artocchini, p. 256.
  4. ^ a b c Artocchini, p. 186.
  5. ^ Artocchini, pp. 186-190.
  6. ^ a b Artocchini, p. 190.
  7. ^ Artocchini, p. 68.
  8. ^ Artocchini, pp. 390-394.
  9. ^ Artocchini, pp. 256-260.
  10. ^ Artocchini, pp. 68-72.
  11. ^ a b Artocchini, p. 72.
  12. ^ a b Artocchini, p. 338.
  13. ^ a b Artocchini, p. 198.
  14. ^ a b c Artocchini, p. 316.
  15. ^ a b Artocchini, p. 200.
  16. ^ Artocchini, pp. 342-344.
  17. ^ Artocchini, pp. 202-204.
  18. ^ a b Artocchini, p. 260.
  19. ^ Artocchini, p. 344.
  20. ^ Artocchini, p. 262.
  21. ^ a b Artocchini, p. 140.
  22. ^ a b Artocchini, p. 204.
  23. ^ Artocchini, pp. 204-206.
  24. ^ a b c Artocchini, p. 136.
  25. ^ Artocchini, pp. 354-356.
  26. ^ Artocchini, pp. 356-360.
  27. ^ Artocchini, pp. 264-266.
  28. ^ Artocchini, p. 360.
  29. ^ Artocchini, pp. 360-362.
  30. ^ a b c Artocchini, p. 208.
  31. ^ Artocchini, pp. 362-364.
  32. ^ Artocchini, pp. 40-45.
  33. ^ Artocchini, p. 364.
  34. ^ Artocchini, pp. 46-54.
  35. ^ a b c Artocchini, p. 370.
  36. ^ Artocchini, pp. 274-276.
  37. ^ Artocchini, p. 212.
  38. ^ a b c Artocchini, p. 214.
  39. ^ Artocchini, p. 276.
  40. ^ Artocchini, pp. 214-216.
  41. ^ a b c Artocchini, p. 374.
  42. ^ Artocchini, pp. 338-342.
  43. ^ Artocchini, pp. 278-282.
  44. ^ a b c Artocchini, p. 96.
  45. ^ Artocchini, pp. 286-288.
  46. ^ a b Artocchini, p. 288.
  47. ^ Artocchini, pp. 224-226.
  48. ^ Artocchini, pp. 226-228.
  49. ^ Artocchini, p. 290.
  50. ^ Artocchini, p. 378.
  51. ^ Artocchini, pp. 290-294.
  52. ^ a b Artocchini, p. 100.
  53. ^ Artocchini, pp. 108-112.
  54. ^ Artocchini, pp. 384-388.
  55. ^ Artocchini, pp. 234-238.
  56. ^ Artocchini, pp. 166-170.
  57. ^ a b Artocchini, p. 240.
  58. ^ Artocchini, pp. 302-306.
  59. ^ Artocchini, pp. 306-308.
  60. ^ Artocchini, pp. 308-310.
  61. ^ Artocchini, p. 390.
  62. ^ Artocchini, p. 310.
  63. ^ Artocchini, pp. 170-172.
  64. ^ Artocchini, p. 242.
  65. ^ Artocchini, p. 396.
  66. ^ Artocchini, pp. 400-406.
  67. ^ Artocchini, pp. 320-322.
  68. ^ Artocchini, pp. 324-328.
  69. ^ Artocchini, p. 408.
  70. ^ Artocchini, pp. 408-410.
  71. ^ a b c d Artocchini, p. 74.
  72. ^ Artocchini, pp. 74-78.
  73. ^ Artocchini, pp. 78-82.
  74. ^ Artocchini, pp. 84-86.
  75. ^ a b Artocchini, p. 86.
  76. ^ a b Artocchini, p. 90.
  77. ^ Artocchini, pp. 90-92.
  78. ^ Artocchini, p. 92.
  79. ^ Artocchini, pp. 92-96.
  80. ^ Artocchini, pp. 96-100.
  81. ^ Artocchini, pp. 100-102.
  82. ^ Artocchini, pp. 102-106.
  83. ^ Artocchini, pp. 106-108.
  84. ^ Artocchini, p. 112.
  85. ^ a b c Artocchini, p. 114.
  86. ^ Storia, su torrefornello.it. URL consultato il 4 marzo 2020.
  87. ^ Artocchini, pp. 114-118.
  88. ^ Artocchini, p. 118.
  89. ^ Artocchini, pp. 118-120.
  90. ^ a b Artocchini, p. 120.
  91. ^ Artocchini, p. 128.
  92. ^ Artocchini, p. 132.
  93. ^ Artocchini, pp. 132-136.
  94. ^ Artocchini, pp. 136-140.
  95. ^ Artocchini, pp. 144-148.
  96. ^ a b c d e Artocchini, p. 144.
  97. ^ Pierluigi Bavagnoli, Damessano, residenza rurale fortificata, su mondimedievali.net. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  98. ^ Artocchini, pp. 148-152.
  99. ^ Artocchini, pp. 152-156.
  100. ^ a b c Artocchini, p. 174.
  101. ^ Artocchini, p. 152.
  102. ^ a b Artocchini, p. 162.
  103. ^ Artocchini, pp. 156-160.
  104. ^ Artocchini, p. 160.
  105. ^ Artocchini, pp. 160-162.
  106. ^ a b Artocchini, p. 166.
  107. ^ Artocchini, pp. 162-166.
  108. ^ Artocchini, pp. 172-174.
  109. ^ Artocchini, p. 172.
  110. ^ a b Artocchini, p. 178.
  111. ^ Artocchini, pp. 184-186.
  112. ^ Artocchini, pp. 246-248.
  113. ^ Artocchini, pp. 190-192.
  114. ^ Artocchini, p. 196.
  115. ^ Marco Gallione, Botteri (Corte Brugnatella), su altavaltrebbia.net, 23 dicembre 2011. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  116. ^ Artocchini, pp. 196-198.
  117. ^ Cerignale - Antico Borgo Medievale circondato da boschi e sorgenti., su valtrebbiaexperience.com, 25 giugno 2020. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  118. ^ a b c Artocchini, p. 246.
  119. ^ a b Artocchini, p. 206.
  120. ^ Artocchini, pp. 206-208.
  121. ^ Artocchini, pp. 208-210.
  122. ^ a b Artocchini, p. 210.
  123. ^ Artocchini, pp. 210-212.
  124. ^ a b Artocchini, p. 230.
  125. ^ Artocchini, pp. 192-196.
  126. ^ Artocchini, p. 228.
  127. ^ Artocchini, pp. 220-224.
  128. ^ Marco Gallione, Torre di Marsaglia, su altavaltrebbia.net, 18 settembre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  129. ^ Artocchini, pp. 230-232.
  130. ^ Storia del comune, su comune.cortebrugnatella.pc.it. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  131. ^ Marco Gallione, Casa fortificata di San Cristoforo, su altavaltrebbia.net, 17 settembre 2012.
  132. ^ Artocchini, pp. 242-246.
  133. ^ Artocchini, pp. 198-200.
  134. ^ a b Artocchini, p. 250.
  135. ^ Artocchini, pp. 200-202.
  136. ^ Artocchini, p. 216.
  137. ^ Piano intercomunale di protezione civile, p. ES 11.
  138. ^ Artocchini, pp. 232-234.
  139. ^ Castelli e torri della val Nure ( 1° ), su wunnish.altervista.org. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  140. ^ Artocchini, pp. 262-264.
  141. ^ Artocchini, p. 264.
  142. ^ a b Artocchini, p. 266.
  143. ^ Artocchini, p. 296.
  144. ^ a b Artocchini, p. 270.
  145. ^ Artocchini, pp. 316-320.
  146. ^ Artocchini, p. 272.
  147. ^ Artocchini, pp. 272-274.
  148. ^ a b c d Artocchini, p. 278.
  149. ^ Artocchini, p. 274.
  150. ^ Artocchini, pp. 282-286.
  151. ^ Artocchini, p. 286.
  152. ^ Artocchini, pp. 288-290.
  153. ^ Marco Gallione, Casa torre di Olmo, su altavaltrebbia.net, 5 ottobre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  154. ^ Artocchini, pp. 296-300.
  155. ^ Artocchini, p. 300.
  156. ^ Artocchini, p. 302.
  157. ^ Artocchini, pp. 310-312.
  158. ^ a b Artocchini, p. 312.
  159. ^ Artocchini, pp. 312-314.
  160. ^ Artocchini, p. 324.
  161. ^ Artocchini, pp. 300-302.
  162. ^ Artocchini, p. 322.
  163. ^ Artocchini, p. 328.
  164. ^ a b Artocchini, p. 400.
  165. ^ a b Artocchini, p. 394.
  166. ^ Artocchini, pp. 396-400.
  167. ^ Artocchini, p. 380.
  168. ^ Artocchini, pp. 388-390.
  169. ^ Artocchini, pp. 380-384.
  170. ^ Artocchini, p. 384.
  171. ^ Artocchini, pp. 344-348.
  172. ^ Artocchini, pp. 348-352.
  173. ^ Artocchini, pp. 406-408.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carmen Artocchini, Castelli piacentini, Piacenza, Edizioni TEP, 1983 [1967].
  • Pier Andrea Corna, Castelli e rocche del Piacentino, Piacenza, Unione Tip. Piacentina, 1913.
  • Girovagando...Piacenza e le sue valli, I, Percorsi&Itinerari, 2005.
  • Daniela Guerrieri, Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, NLF, 2006.
  • Il ducato di Parma, Piacenza e Guastalla, in Itinerari, 2000.
  • Piano intercomunale di protezione civile (PDF), Unione Montana Valli Trebbia e Luretta. URL consultato il 29 novembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]