Castelfranco Piandiscò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castelfranco Piandiscò
comune
Castelfranco Piandiscò – Stemma Castelfranco Piandiscò – Bandiera
Castelfranco Piandiscò – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Arezzo-Stemma.png Arezzo
Amministrazione
SindacoEnzo Cacioli (centro-sinistra) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Data di istituzione1º gennaio 2014
Territorio
Coordinate43°37′16.56″N 11°33′15.81″E / 43.621266°N 11.554393°E43.621266; 11.554393 (Castelfranco Piandiscò)
Altitudine281 m s.l.m.
Superficie55,96[4] km²
Abitanti9 853[5] (31-10-2021)
Densità176,07 ab./km²
FrazioniCasabiondo, Caspri, Castelfranco di Sopra (sede comunale), Certignano, Faella, Lama, Matassino, Pian di Scò, Pulicciano, Vaggio[1][2]
Comuni confinantiCastel San Niccolò, Reggello (FI), Figline e Incisa Valdarno (FI), Loro Ciuffenna, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini
Altre informazioni
Cod. postale52026 (Pian di Scò);

52020 (Castelfranco di Sopra)

Prefisso055
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT051040
Cod. catastaleM322
TargaAR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[6]
PatronoFilippo Neri[3]
Giorno festivo26 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelfranco Piandiscò
Castelfranco Piandiscò
Castelfranco Piandiscò – Mappa
Posizione del comune di Castelfranco Piandiscò nella provincia di Arezzo
Sito istituzionale

Castelfranco Piandiscò è un comune italiano di 9 853 abitanti[5] della provincia di Arezzo in Toscana, che fa parte de "I borghi più belli d'Italia".

È stato istituito il 1º gennaio 2014 dalla fusione dei comuni di Castelfranco di Sopra e Pian di Scò. Il capoluogo si trova a Castelfranco di Sopra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 12 maggio 2014.[7]

«Stemma partito: nel PRIMO, di azzurro, al leone d'oro, afferrante con la zampa anteriore destra la bandiera, con l'asta di nero, posta in sbarra alzata, e con il drappo bifido di argento, caricato dalla croce di rosso, sventolante a sinistra in capo, esso leone afferrante con la zampa posteriore destra la palma di verde, posta in banda alzata; nel SECONDO, di rosso, al giglio di Firenze, di argento. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone è un drappo partito di rosso e di azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Comunale di Castelfranco di Sopra
  • Teatro comunale Wanda Capodaglio (Castelfranco di Sopra)
  • Ponte dell’acquedotto romano (Castelfranco di Sopra, via Firenze)
  • Ponte romano sulla mulattiera che congiunge La Lama con Pulicciano
  • la mezza campata rimasta del Ponte a Mandri (Castelfranco di Sopra), situato su torrente Faella 90 metri a monte dell’omonimo ponte attuale, esploso per rappresaglia da militari tedeschi nel 1944. Esso era uno dei ponti della strada provinciale Sette Ponti[9].

Castelli ed architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Poggio alla Regina il cui primo insediamento risale all'età del bronzo[10][11]
Ruderi del castello di Poggio alla Regina
  • Torre d'Arnolfo o Porta Campana
Torre d'Arnolfo, o Porta Campana, a Castelfranco di Sopra

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[12][13]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º gennaio 2014 26 maggio 2014 Bruna Becherucci Commissario prefettizio [14]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Enzo Cacioli centro-sinistra Sindaco [14]
27 maggio 2019 in carica Enzo Cacioli centro-sinistra Sindaco [14]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Castelfranco di Sopra - Statuto.
  2. ^ Comune di Pian di Scò - Statuto.
  3. ^ Delibera del comune sul santo patrono
  4. ^ Dato Istat - La superficie dei comuni, delle province e delle regioni italiane al Censimento 2011 (somma delle superfici degli ex comuni di Castelfranco di Sopra e Pian di Scò)
  5. ^ a b Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  6. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  7. ^ Castelfranco Piandiscò (Arezzo) D.P.R. 12.05.2014 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 6 agosto 2022.
  8. ^ Sandro Fabrizi, La particolare chiesa di San Michele a Castelfranco di Sopra (Ar), su lamiabellatoscana.it, La mia bella Toscana. URL consultato il 29 gennaio 2022.
  9. ^ Sandro Fabrizi, La strada dei Setteponti e tutti i suoi tesori, su lamiabellatoscana.it, La mia bella Toscana, aprile 2015. URL consultato il 29 gennaio 2022.
  10. ^ Il Castello di Poggio alla Regina, detto anche “Castello di Castiglione”, su nelvaldarno.it, nelValdarno, 2017. URL consultato il 29 gennaio 2022.
  11. ^ Guido Vannini, Fortuna e declino di una società feudale valdarnese : il Poggio della Regina, Società Editrice Fiorentina, 2002.
  12. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  13. ^ Fino al 2011 compreso, il dato è la somma degli abitanti dei comuni di Castelfranco di Sopra e Pian di Scò.
  14. ^ a b c http://amministratori.interno.it/
  15. ^ Gemellaggio, su valdarno24.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana