Castel Salego

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castel Salego
Burg Salegg
Ruine Salegg Detail.JPG
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
CittàCastelrotto
Coordinate46°32′03.84″N 11°33′43.2″E / 46.5344°N 11.562°E46.5344; 11.562Coordinate: 46°32′03.84″N 11°33′43.2″E / 46.5344°N 11.562°E46.5344; 11.562
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Castel Salego
Informazioni generali
TipoCastello
Condizione attualeRudere
Proprietario attualeDiocesi di Bolzano-Bressanone
VisitabileSi
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Castel Salego (in tedesco: Burg Salegg) è un castello che si trova nel territorio di Siusi, frazione del comune di Castelrotto, in provincia di Bolzano, poco distante dal Castelvecchio.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Del castello al giorno d'oggi rimangono veramente pochi ruderi, ma sono ben visibili da Castelrotto, poiché negli anni recenti si è deciso di disboscare gli alberi che lo nascondevano. Con molta probabilità il castello apparteneva alla famiglia Salegg, citati come ministeriali del vescovo di Bressanone già nel 1178. Fu in seguito conteso tra i signori von Wolkenstein e loro parenti.

Al giorno d'oggi i ruderi appartengono alla Diocesi di Bolzano-Bressanone.

Come raggiungerlo[modifica | modifica wikitesto]

Se si vogliono raggiungere le rovine del castello, è sufficiente partire dall'omonimo albergo, e percorrere il sentiero n. 2 per venti minuti circa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Marcello Caminiti, Die Burgen Südtirols. Burgen, Schlösser, Ansitze und wehrhafte Klöster und Städte in Südtirol in Geschichte und Gegenwart, Rovereto, Manfrini, 1957.
  • (DE) Wolftraud de Concini, Südtiroler Burgen und Schlösser, Terlano, 1991.
  • (DE) Otto Piper, Salegg, in Österreichische Burgen, vol. 4. Im Auftrage des Fürsten Johann von und zu Liechtenstein und des Grafen Hans Wilczek bearbeitet, Vienna, Hölder, 1905.
  • (DE) Helmut Stampfer, Zur Burgruine Salegg bei Seis am Schlern, in «Der Schlern», 77, 2003, n. 2, pp. 69–75.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7742171-1