Castel Montani di Sotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castel Montani di Sotto
Burg Untermontani
BurgUntermontani2.jpg
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
CittàLaces-Stemma.png Laces
Coordinate46°36′16.7″N 10°49′39.2″E / 46.604639°N 10.827556°E46.604639; 10.827556Coordinate: 46°36′16.7″N 10°49′39.2″E / 46.604639°N 10.827556°E46.604639; 10.827556
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Castel Montani di Sotto
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzioneXIII secolo
Condizione attualeRovine
VisitabileSi
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castel Montani di Sotto (in tedesco Burg Untermontani) è posizionato, insieme al più grande castel Montani di Sopra, all'ingresso della val Martello sopra la frazione di Morter del comune di Laces in Provincia di Bolzano.

Cenni Storici[modifica | modifica wikitesto]

Il castello costituiva l'avamposto per il castel Montani di Sopra ed era quindi anch'esso di proprietà della famiglia Montani. Anche se non ci sono indicazioni precise sulla sua data di costruzione, è plausibile, vista la funzione, che essa risalga al XIII secolo.

Nel 1355 Alberto Montani vendette il castello a Heinrich von Annenberg, che lo ristrutturò. In seguito passo tra vari proprietari finché all'inizio del XVII secolo venne acquistato dai Conti von Mohr. Col tempo perdette sempre più di importanza, fu abbandonato e divenne una rovina.

All'inizio del XIX secolo, il palazzo residenziale e parte del muro di cinta franarono nel sottostante rio Plima, che aveva eroso le basi della collina su cui sorge. Nel 1945 crollò anche parte del mastio.

Oggi è di proprietà della Provincia Autonoma di Bolzano.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova nella parte nord della collina sulla quale sorge anche il castel Montani di Sopra. Ha una forma triangolare con il vertice rivolto verso sud, dove si ergono i resti del mastio. Le mura hanno dei merli a coda di rondine e nella parte ovest dell'edificio di trova la porta di accesso, dotata un tempo di ponte levatoio.

Nonostante il cattivo stato di conservazione il castello è accessibile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Caminiti M., Castelli dell'Alto Adige, 1985, Manfrini Editori, Trento.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]