Castel Giovo (San Leonardo in Passiria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castel Giovo
Jaufenburg
CastelGiovoPassiria.JPG
La torre del Castel Giovo (Jaufenburg), sopra all'abitato di San Leonardo in Passiria
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
CittàSan Leonardo in Passiria-Stemma.png San Leonardo in Passiria
Coordinate46°48′53.62″N 11°15′01.02″E / 46.814894°N 11.250283°E46.814894; 11.250283Coordinate: 46°48′53.62″N 11°15′01.02″E / 46.814894°N 11.250283°E46.814894; 11.250283
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Castel Giovo (San Leonardo in Passiria)
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzione1200
Condizione attualeRistrutturato
VisitabileSi
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Castel Giovo (ted.: Jaufenburg) è un castello del Trentino-Alto Adige, sorto a San Leonardo in Passiria (BZ).

Sulla collina che sovrasta il paese si sono trovate tracce di un sito preistorico. Nel medioevo vi passava la strada per il passo Giovo e per questo motivo i Signori di Passiria, ministeriali dei conti di Tirolo che per questi ultimi amministravano la giustizia in Val Passiria, vi fecero costruire intorno al 1200 un castello fortificato. Nelle cronache dell'epoca fu descritto come "magnificamente affrescato"[1] e a cinque piani con una torre possente, risalente al XII secolo.[2]

All'estinzione della famiglia (1383), il castello passò per matrimonio ai Fuchs von Fuchsberg di Appiano. Cominciò il periodo d'oro del castello, visitato da attori e menestrelli. Un lento ma costante declino della struttura e della famiglia, che perse ogni bene nel 1738, portò alla rovina il castello. Nel 1828 il maniero, già distrutto, fu acquistato da un contadino che ne fece un maso.

Al termine della Seconda Guerra Mondiale presso il castello furono rinvenute da parte degli alleati molte delle opere d'arte trafugate dai soldati tedeschi in fuga provenienti dalle gallerie di Firenze, in particolare quelle che erano state evacuate presso villa Bossi-Pucci a Montagnana (Montespertoli).[3] L'intento dei tedeschi era quello di trasportare tutte le opere verso l'Austria. Grazie al lavoro dei Monuments Men tutte le opere d'arte fecero ritorno alle loro sedi di origine.[4]

Oggi la torre principale è stata restaurata ed è visitabile. Al suo interno si trovano gli stemmi marmorei dei Signori di Passiria e dei Signori Fuchs von Fuchsberg.[2] Sono stati recuperati alcuni affreschi rinascimentali del 1538, ad opera di Bartlmä Dill Riemenschneider (figlio di Tilman Riemenschneider), ed è una delle sedi del MuseoPassiria. Vengono trattati la storia del castello e della giustizia in Passiria, oltre che delle famiglie che hanno posseduto il castello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Georg Mutschlechner, Die Jaufenburg und die Gerichtsherrschaft in Passeier, in «Der Schlern», 67, 1993, p. 530.
  2. ^ a b Lucillo Merci, Le più belle Leggende dell'Alto Adige, Vallagarina ed., 1973
  3. ^ Pestelli, p. 52.
  4. ^ Pestelli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Albin Pixner, Die Jaufenburg - Burgruine über St. Leonhard in Passeier, in «Arx», 32, 2010, pp. 10–14.
  • Andrea Pestelli, La "Primavera" del Botticelli nel castello di Montegufoni durante la Guerra (1942-45), Amazon, 2017, ISBN 9781544616896.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]