Cast (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cast
Paese d'origine Inghilterra Inghilterra
Genere Britpop
Periodo di attività 1993-2002
Album pubblicati 5
Studio 4
Raccolte 1

I Cast sono stati una rock band inglese, formatasi a Liverpool nel 1993, sotto l'iniziativa di John Power, il bassista dei The La's e di Peter Wilkinson, bassista degli Shack.

La Band ha pubblicato quattro album tra il 1995 e il 2001. Liam Gallagher, cantante degli Oasis, li ha descritti come una delle poche band apprezzabili di quel momento. Benché il gruppo continuò a incidere dischi, anche dopo la fine del Britpop, alla fine degli anni 90, il loro successo commerciale cominciò a diminuire tanto da non sopravvivere al movimento musicale.

Il nome Cast fu preso, secondo Power, dalla frase finale della canzone "Looking Glass", scritta dai The La's, suo precedente gruppo, che recitava: "The change is cast".

I successi[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che da John Power e da Peter Wilkinson, che suonavano come bassisti, il gruppo era formato da Liam Tyson, alla chitarra, e da Keith O'Neill alla batteria. Il loro primo album fu All Change, uscito nel 1995, il quale presentava vari influenze musicali: rock psicadelico ("Promised Land", "Two of a Kind"), chitarra ("History"), britpop ("Back of My Mind", "Reflections" and "Sandstorm") e ballate ("Walkaway" and "Four Walls"). Da questo album furono estratti due singoli, che arrivarono entrambi nei primi dieci posti della classifica dei singoli inglesi: "Sandstorm" (numero 8) e "Walkaway" (numero 9). La band ricevette un ulteriore riconoscimento nel 1996 quando la loro canzone "Alright" fu inserita nella colonna sonora di Mission Impossible. L'album arrivò alla 7ª posizione in Inghilterra, diventando album di platino.

Un singolo fu pubblicato nel 1996: "Flying", il quale occupò il vuoto che c'era tra l'album di debutto della band e il loro lavoro successivo: Mother Nature Calls. "Flying" arrivò alla numero 4 posizione della classifica inglese di singoli.

Da Mother Nature Calls, la band estrasse come singolo il brano "Free Me" (numero 7) ed altri come "Guiding Star" (numero 9), Live the Dream" (numero 7) e "I'm So Lonely" (numero 14). L'album, nonostante alcune critiche negative arrivò alla numero 3 posizione di classifica diventando anche lui un disco di platino.

Il declino[modifica | modifica wikitesto]

Con la fine del Britpop, e lo scioglimento di molte band contemporanee ai Cast (es. Kula Shaker, Dodgy, Smaller e The Seahorses) il sound del gruppo cambiò, avvicinandosi molto ai suoni degli anni 60. Però il loro terzo album, Magic Hour, riscosse un buon successo, anche sé solo inizialmente: L'album arrivò alla numero 6 posizione delle classifiche inglesi ma vendette soltanto 60.000 copie facendolo scivolare fino alla numero 78 posizione. Anche l'unico singolo estratto non ebbe molta fortuna, infatti "Beat Mama" arrivò al massimo alla numero 45 posizione. Nel 2001 uscì un nuovo album della band, Beetroot, ma anche questo non ebbe fortuna. I fallimenti degli ultimi due dischi contribuirono non poco allo scioglimento del gruppo nel 2002. Nel 2004 esce una raccolta di b-side del gruppo.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • "Fine Time" - UK numero 17
  • "Alright" - numero 13
  • "Sandstorm" - numero 8
  • "Walkaway" - numero 9
  • "Flying" - numero 4
  • "Free Me" - numero 7
  • "Guiding Star" - numero 9
  • "Live the Dream" - numero 7
  • "I'm So Lonely" - numero 14
  • "Beat Mama" - numero 9
  • "Magic Hour" - numero 28
  • "Desert Drought" - numero 45

Composizione gruppo[modifica | modifica wikitesto]

  • John Power - basso
  • Peter Wilkinson - basso
  • Liam Tyson - chitarra
  • Keith O'Neill - batteria

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock