Casper (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casper
Casper film .png
Il piccolo Casper
Titolo originale Casper
Paese di produzione USA
Anno 1995
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere fantastico, commedia, sentimentale, avventura
Regia Brad Silberling
Soggetto Joseph Oriolo
Sceneggiatura Sherri Stoner, Deann Oliver
Produttore Paul Deason, Jeff Franklin, Gerald R. Molen, Jeffrey A. Montgomery, Steven Spielberg
Fotografia Dean Cundey
Montaggio Michael Kahn
Effetti speciali Randy Cabral Joe Letteri
Musiche James Horner
Scenografia Leslie Dilley
Costumi Rosanna Norton
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Casper è un film del 1995 diretto da Brad Silberling, basato sul personaggio omonimo protagonista di cartoni animati e fumetti. Viene distribuito nei cinema statunitensi il 26 maggio 1995 e italiani il 16 novembre 1995.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il defunto padre dell'ambiziosa Carrigan Crittenden, ha lasciato quasi tutto ad associazioni ambientaliste, tranne il castello di Whipstaff, a Friendship (Maine), infestato da quattro fantasmi. Mentre uno di questi, il piccolo Casper, è gentile e vorrebbe fare amicizia coi vivi, i tre zii, Molla, Ciccia e Puzza, tentano di tutto per scoraggiare chiunque dall'avvicinarsi. Visto che gli spettri mettono in fuga un esorcista, le squadre di operai chiamate per demolire l'edificio e persino un acchiappafantasmi, Carrigan decide di farlo disinfestare dal dottor James Harvey, uno psicologo per fantasmi, che si reca con la figlia Kat al castello dove lei fa amicizia col mite Casper.

Mentre per la festa di Halloween i compagni di scuola di Kat accettano l'invito a recarsi nel maniero di Whipstaff, nel castello Molla, Puzza e Ciccia si divertono facendo a tiro a segno a distruggere le cose di James, ma vengono fermati da quest'ultimo che impedisce loro di distruggere una foto di sua moglie Amelia, deceduta in passato. Il trio dei fantasmi tuttavia afferma di conoscere molto bene Amelia dicendo che è stata sempre gentile con loro. James comprendendo che potrebbe rivedere sua moglie chiede a Molla, Puzza, e Ciccia se sono in grado di chiamare o comunicare con altri spiriti o fantasmi. Il trio spiega che non sarebbe consentito per delle leggi superiori. I tre fantasmi però, iniziando a prendere simpatia James, decidono di trovare un modo per fargli incontrare Amelia nonostante sia contro le regole, chiedendo in cambio di tenere lontana dalla loro casa Carrigan Crittenden. James accetta e Ciccia si reca da Amelia.

Kat domanda a Casper della sua vita prima che morisse, ma egli non ricorda nulla. Impietosita dalla prematura morte di Casper, gli riordina la soffitta dando forma ai suoi ricordi. Il piccolo fantasma rammenta di avere giocato a lungo sulla neve con una slitta regalatagli dal padre, e di essersi ammalato e poi morto. Casper però si era rifiutato di passare nell'aldilà, divenendo così un fantasma, perché non voleva che suo padre rimanesse solo. Leggendo alcuni vecchi giornali, Kat scopre che il padre di Casper era un grande inventore e che dopo la morte del figlio aveva dichiarato ai giornali di avere visto il suo fantasma, e aveva realizzato una macchina per riportarlo in vita: "il Lazzaro". Casper si ricorda improvvisamente della macchina del padre e porta Kat nei sotterranei dove il padre aveva costruito "il Lazzaro". La macchina suscita l'avidità di Carrigan, che tenta di convincere il suo avvocato Dibbs a defungere per localizzare il tesoro del castello e quindi farsi resuscitare. L'avvocato non è d'accordo e nella lite che ne segue l'ereditiera cade dalla scogliera.

Nel frattempo, James ha fatto amicizia con i tre zii di Casper, ma muore accidentalmente, al sopraggiungere degli invitati. Mentre il fantasma di Carrigan si dissolve, con la "macchina" Kat fa resuscitare il padre, cui Casper cede il posto. Per la sua generosità, Casper viene premiato da Amelia, la defunta moglie di James divenuta un angelo, che gli fa assumere le sembianze di un ragazzo per alcune ore. Casper può così ballare con Kat, lasciata in disparte dai compagni, mentre Amelia saluta James. Appena dopo il tenero bacio tra Kat e Casper, quest'ultimo riassume le sembianze di fantasma e spaventa tutti gli invitati che fuggono atterriti. Ora però Casper ha trovato finalmente gli amici che cercava.

Camei[modifica | modifica wikitesto]

  • In un breve cameo appare Dan Aykroyd in veste del dottor Raymond Stantz (già interpretato in Ghostbusters) mentre scappa dalla casa infestata. Poco prima di andarsene correndo pone la domanda: «E allora chi chiamate?» (frase della celebre canzone di Ghostbusters) e risponde: «Chiamate qualcun altro!».
  • In un breve cameo appaiono anche Mel Gibson, Clint Eastwood, il comico statunitense Rodney Dangerfield e Crypt Keeper quando i fantasmi si impossessano del corpo del professore ed egli si guarda allo specchio. Anche Steven Spielberg, produttore del film, aveva girato il cameo in questione, ma venne tagliato a causa dello stress e il nervosismo del regista nel farsi riprendere come attore. Probabilmente il taglio è evidente quando il dottor Harvey si spaventa credendo di essere proprio Spielberg.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film, Casper non può riflettersi nello specchio perché è un fantasma. Tuttavia, verso la fine del film, i due ragazzi che tentano di rovinare la festa a Kat vengono spaventati attraverso lo specchio dagli zii di Casper, anche se è più probabile che questi spuntino dal muro invece che dal corpo dei ragazzi.
  • Il fatto che Casper diventi umano per alcune ore, e poi torni fantasma ad una certa ora, si lega con la fiaba di Cenerentola: anche in questo caso la protagonista della fiaba (chiaramente citata dalla madre della protagonista) diventa una principessa per alcune ore, e ad una certa ora torna in stracci
  • Nella scena in cui Casper si gonfia diventando una sorta di Superman con una grande C stampata sul petto, pronuncia la frase: "Vieni con me se vuoi vivere!", frase peculiare di Arnold Schwarzenegger chiara citazione della saga di Terminator.
  • La scena dell'esorcista con la testa ruotata di 180 gradi e ricoperto di poltiglia verde è un chiaro riferimento al film L'Esorcista.
  • Tra i tentativi di esorcismo tentati sul castello c'è anche un cameo di Dan Aykroyd nei panni di un Ghostbuster che fugge dicendo: "E quindi chi chiamate? Chiamate qualcun altro", in inglese "Who you gonna call? Someone else", chiaro riferimento al film e alla colonna sonora che recita " Who you gonna call? Ghostbusters!"
  • Durante la colazione, la scena in cui Ciccia, Molla e Puzza entrano in cucina canticchiando la Cavalcata delle Valchirie di Wagner e ruotando le "code" a mo' di pale di elicottero è un chiaro riferimento ad Apocalypse Now.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora principale del film è "One Last Wish".

Home Video[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, il film è stato distribuito in VHS dalla CIC Video in ottobre 1996.

Prima TV[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima trasmissione televisiva in Italia è stato su Canale 5 il 19 ottobre 1998.

Musiche di James Horner.

  1. "No Sign of Ghosts" – 7:31
  2. Carrigan & Dibs – 2:40
  3. Strangers in the House – 2:36
  4. First Haunting/The Swordfight – 5:01
  5. March of the Exorcists – 2:45
  6. The Lighthouse -- Casper & Kat – 4:57
  7. Casper Makes Breakfast – 3:42
  8. Fond Memories – 3:39
  9. "Dying" to Be a Ghost – 7:02
  10. Casper's Lullaby – 5:40
  11. Descent to Lazarus – 10:20
  12. One Last Wish – 4:19
  13. "Remember Me This Way" – 4:28
  14. "Casper the Friendly Ghost" – 2:11
  15. The Uncles Swing/End Credits – 6:21

Durata totale: 73:12

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4391930-3