Caso Valenciennes-Olympique Marsiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per Caso Valenciennes-Olympique Marsiglia (in francese Affaire VA-OM) si intende una vicenda di corruzione e frode sportiva avvenuta nell'annata 1992-1993 che vide coinvolte le squadre francesi del Valenciennes e dell'Olympique de Marseille.

Fatti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vinto quattro campionati francesi consecutivi (1989, 1990, 1991, 1992) e una Coppa di Francia (1989), l'Olympique Marsiglia (OM) si stava preparando ad un finale di stagione che avrebbe potuto passare alla storia se il club avesse vinto il proprio quinto titolo nazionale consecutivo (record per il calcio transalpino) e, soprattutto, la prima Coppa dei Campioni della propria storia, dopo essere stato sconfitto in finale nell'edizione 1990-1991.

Il 20 maggio 1993 l'OM giocò a Valenciennes l'anticipo della 36ª giornata di campionato in vista della finale europea contro il Milan. Due giorni dopo, il 22 maggio 1993, un giocatore del Valenciennes, Jacques Glassmann, dopo avere parlato con l'allenatore Boro Primorac, denunciò un tentativo di corruzione operato da due tesserati del club marsigliese, il giocatore Jean-Jacques Eydelie e il direttore generale Jean-Pierre Bernès, nei riguardi dei compagni di squadra Christophe Robert e Jorge Burruchaga e a lui stesso, che però rifiutò.

Lo scopo del tentativo di illecito era il seguente: corrompere i giocatori avversari e vincere l'incontro, risparmiando energie per preparare al meglio la partita contro il Milan della settimana successiva. Il 26 maggio, a Monaco, l'OM vinse la prima Coppa dei Campioni della propria storia battendo per 1-0 il Milan con rete di Basile Boli al 43º minuto di gioco e tre giorni dopo, battendo in casa il Paris Saint-Germain per 3-1, si laureò Campione di Francia per la nona volta nella storia (quinta volta consecutiva).

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

Il caso venne affidato al procuratore di Valenciennes Éric de Montgolfier e al giudice Bernard Beffy. Il 24 giugno 1993 vennero trovati 250 000 franchi sepolti nel giardino di Christophe Robert. Robert confessò il misfatto, dicendo che quei soldi li aveva ottenuti da Jean-Jacques Eydelie dopo la partita. Lo stesso Eydelie, due giorni dopo, venne arrestato. Inizialmente questi non confessò il crimine e continuò a giurare di essere innocente, ma, dopo l'arresto della moglie (complice in quella vicenda), confessò di aver corrotto i giocatori del Valenciennes, corrispondendo loro 250 000 franchi a testa.

Processo sportivo[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda ebbe una certa risonanza anche a livello internazionale, dal momento che il 6 settembre 1993 l'UEFA escluse in via preventiva l'Olympique de Marseille dalla Coppa dei Campioni[1] e la FFF fu rappresentata dal Monaco[2]. Poiché la Federcalcio francese non aveva ancora espresso un giudizio sulla vicenda[1] la FIFA minacciò di sospenderla da tutte le competizioni internazionali se non fosse arrivato un verdetto entro il 23 settembre[3] e pochi giorni dopo, il 27 settembre, FIFA ed UEFA esclusero il club anche dalla Coppa Intercontinentale e dalla Supercoppa europea, ripescando il Milan[4].

Il 22 settembre 1993 la Commissione disciplinare della FFF prese i seguenti provvedimenti:

Società

Tesserati società

Calciatori

La FFF propose l'attribuzione del titolo di Campione di Francia al Paris Saint-Germain secondo classificato, ma il club parigino rifiutò il titolo, lasciandolo inassegnato.[5][6]

Il 10 febbraio 1994 Bernard Tapie, presidente dell'OM, venne messo sotto esame per corruzione e subornazione dei testimoni Boro Primorac e Jean-Jacques Eydelie[7]. Dalle indagini emerse che fu Tapie ad organizzare l'illecito e il 22 aprile 1994 la federcalcio francese prese questi provvedimenti:

Società

Tesserati società

Calciatori

Processo penale[modifica | modifica wikitesto]

La prima sentenza della giustizia ordinaria avvenne il 15 maggio 1995[8]:

Nel processo d'appello (28 novembre 1995) la condanna di Tapie sarà di 2 anni di detenzione, di cui otto mesi senza condizionale, con multa di 20.000 franchi e 3 anni di ineleggibilità[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il Marsiglia espulso dall'Europa, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 15 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2013).
  2. ^ Tapie s'arrende: rinuncia al ricorso e farà l'Intercontinentale
  3. ^ oggi l'UEFA decide sul futuro europeo del Marsiglia
  4. ^ Il Milan ripescato va a Tokio, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 26 aprile 2010 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).
  5. ^ (EN) The Greatest French Club Sides Of All Time – Part 3, frenchfootballweekly.com.
  6. ^ (EN) When PSG were put in an awkward position after Marseille's scandal fueled fall from grace, newstalk.com. URL consultato il 12 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2019).
  7. ^ Tapie incriminato. e il giudice ordina: "lasci il Marsiglia"
  8. ^ TAPIE CONDANNATO ' TRUCCO' UNA PARTITA'
  9. ^ Seconda condanna per Tapie, su archiviostorico.corriere.it.
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio