Caso Benalla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alexandre Benalla nel 2013.

Il caso Benalla è una vicenda politico-giudiziaria che ha investito il presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron, dopo le violenze del primo maggio 2018, durante le manifestazioni per la Festa del Lavoro. Deve il suo nome ad Alexandre Benalla, collaboratore responsabile della sicurezza all'Eliseo, che è stato incriminato per avere illecitamente fermato dei manifestanti, aggredendoli e per avere usurpato simboli e funzioni della Gendarmeria. Lo scandalo è stato rivelato dal quotidiano francese Le Monde il 18 luglio [1][2]. In un'altra registrazione si vede Benalla che aggredisce due ragazze al parco, che si danno alla fuga terrorizzate.[3]

Lo scandalo ha investito Macron perché in un primo momento l'Eliseo ha sospeso Banalla dalle sue funzioni e dallo stipendio per 10 giorni, motivando che tale era la sanzione più grave prevista per un dipendente dell'Eliseo stesso. Benalla è stato un personaggio centrale della campagna elettorale per le presidenziali di Macron[4] e referente delle forze di polizia[5]

Pochi giorni dopo, secondo un'altra rivelazione fatta dal Canard enchaîné, Benalla sarebbe stato responsabile di aver imposto un "ritmo infernale" al convoglio dei Bleus il 16 luglio per potere garantire a Macron l'apertura in diretta dei TG delle 20 dall'Eliseo con i giocatori di calcio della nazionale francese, campioni del mondo in Russia.[6][7]

Immediatamente dopo lo scoppio dello scandalo è stata istituita una commissione d'inchiesta parlamentare.[8][9] Posteriormente, il 31 luglio, dopo due mozioni di sfiducia presentate dalla destra e dalla sinistra, il governo di Édouard Philippe ha superato il problema grazie alla sua ampia maggioranza all'Assemblea nazionale. [10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francia, scandalo Benalla: arrestati i tre poliziotti coinvolti nel caso che imbarazza l'Eliseo, La Repubblica. URL consultato il 30 luglio 2018.
  2. ^ Le Monde, Affaire Benalla : la vidéo qui accuse, 19 luglio 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  3. ^ Così Benalla indebolisce Macron. Due mozioni di sfiducia contro il governo, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 24 settembre 2018.
  4. ^ Parigi, indagini su fondi per la campagna elettorale di Macron. URL consultato il 24 settembre 2018.
  5. ^ Edwy Plenel, La presidenza Macron fa i conti con il suo lato oscuro, in Internazionale, 25 luglio 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  6. ^ Huffingtonpost.it, https://www.huffingtonpost.it/2018/07/25/il-caso-benalla-non-finisce-di-imbarazzare-macron-stavolta-centra-la-nazionale-francese-e-la-festa-agli-champs-elysees_a_23489383/. URL consultato il 1º agosto 2018.
  7. ^ Mondiali, diluvio sulla premiazione (ma l'ombrello c'è solo per Putin) - Sportmediaset, su Sportmediaset.it. URL consultato il 24 settembre 2018.
  8. ^ Caso Benalla, insorge l'opposizione: "Commissione d'inchiesta interroghi Macron", in euronews, 25 luglio 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  9. ^ Il caso di Alexandre Benalla. L'Eliseo nella bufera (di C. Meier) - FarodiRoma, in FarodiRoma, 29 luglio 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  10. ^ Francia: bocciata prima mozione sfiducia, Ansa. URL consultato il 1º agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]