Casina di Raffaello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casina di Raffaello
Villa Borghese - Casino di Raffaello 01188.JPG
La Casina di Raffaello con l'accesso alla ludoteca
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma
Indirizzo via della Casina di Raffaello
Coordinate 41°54′46.23″N 12°29′11.53″E / 41.912842°N 12.486536°E41.912842; 12.486536Coordinate: 41°54′46.23″N 12°29′11.53″E / 41.912842°N 12.486536°E41.912842; 12.486536
Informazioni
Condizioni In uso
Realizzazione
Proprietario storico cardinale Scipione Borghese

La Casina di Raffaello è sita in via della Casina di Raffaello a Villa Borghese (Roma).

Il nome con cui si conosce il palazzo è improprio, in quanto:

  • 1°, si confonde il palazzo con il Casino di Raffaello sito a Villa Doria nel Galoppatoio[1];
  • 2°, l'artista urbinate non vi abitò mai né vi ebbe a che fare[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casina fu edificata per volere del cardinale Scipione Borghese quando fu incominciata a essere costruita anche la Villa Pinciana, l'odierna Villa Borghese[2].

Inizialmente si trovava in mezzo ad un gelseto, boschetto sventrato quando è stata edificata la vicina Piazza di Siena, piazza che in seguito ospiterà organizzazioni e manifestazioni ippiche di un certo rilievo[2].
Il boschetto dei gelsi dette il nome arcaico al palazzo: "Palazzina dell'arboreto de' gelsi"[1][3].

Originariamente il palazzo era destinato come abitazione del guardarobiere della Villa[1].

Il palazzo, anticamente, aveva molte stanze e due logge al piano superiore, nella loggia della facciata superiore vi erano delle decorazioni a chiaroscuro[1].
Ad un lato del palazzo vi era un piccolo giardino quadrato con un frutteto ed un agrumeto[1].

L'edificio doveva ospitare le varie statue di Villa Borghese[1], in seguito sostituite da copie, onde evitare che venissero rubate[1], questo progetto non è mai stato possibile in quanto l'edificio è sempre stato residenza privata che non ha consentito l'esposizione delle statue[1].

Nel Settecento, con la gestione dei lavori degli Asprucci, fu realizzata la chiesa dedicata all'Immacolata Concezione sul lato verso il giardino del lago[1][3].

Fino al 2003, la casina fu adibita ad abitazione privata[4].

In seguito si dovette provvedere ad urgenti lavori di restauro, visti i gravi danneggiamenti dovuti all'incuria[4].

La ludoteca[modifica | modifica wikitesto]

La ludoteca, che consta di biblioteca specializzata per bambini, è stata aperta nel 2006[5].

La ludoteca consta di "Sala Giani" che è dedita al teatro e della "Sala del Re Mida" che viene dedita alle attività didattiche[6].
Al primo piano vengono svolti spettacoli e mostre per bambini[6].

Il pianterreno è rivestito alle pareti ed al soffitto di acciaio zincato verniciato di bianco, mentre il pavimento è in legno, mentre nelle vetrate scorre un velo d'acqua a circuito chiuso che oltre a mantenere pulite le vetrate dà un effetto scenico, completa l'arredamento un boschetto artificiale in legno di betulla con frutti finti semovibili atti per il gioco[7].

Il piano superiore è circondato da un terrazzo con delle capriate lignee[7].

La chiesa dell'Immacolata[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: chiesa di Santa Maria Immacolata a Villa Borghese.

La chiesetta dell'Immacolata ad un'unica navata è ospitata nel pianterreno del lato ovest di questa casina[2].

Un loggiato permette l'accesso alla chiesa[2].

Gli affreschi della chiesa furono realizzati tra il 1791 ed il 1793 da Felice Giani [1][2] e da Giovan Battista Marchetti con raffigurazioni cristiane[2].

L'altare è in marmo verde e porfido rosso sormontato da una statua in marmo bianco dell'Immacolata Concezione[2] di Filippo Andrea Grandjacquet[1].

La chiesa ospita anche la tomba di Pietro Canonica[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Alberta Campitelli, La Casina di Raffaello in "Villa Borghese", pag. 68-69, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (1997), ISBN 88-240-3787-9
  2. ^ a b c d e f g h i L'edificio
  3. ^ a b Cos'è la casina
  4. ^ a b Il restauro
  5. ^ La ludoteca della Casina di Raffaello
  6. ^ a b Casina di Raffaello
  7. ^ a b Il progetto di allestimento

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]