Cascina Gobba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima località di Milano, vedi Cascina Gobba (località).
Logo Metropolitane Italia.svg Cascina Gobba
Metro 2 Milano.jpg
La stazione
Stazione della metropolitana di Milano
Gestore ATM
Inaugurazione 1968
Stato In uso
Linea Milano linea M2.svg MeLA
Linee celeri dell'Adda fino al 1972
Localizzazione Milano
Tipologia Stazione in viadotto, passante, di diramazione
Interscambio Autobus urbani e interurbani
Mappa di localizzazione: Milano
Cascina Gobba
Cascina Gobba
Metropolitane del mondo
Coordinate: 45°30′41.3″N 9°15′37.79″E / 45.511471°N 9.260498°E45.511471; 9.260498

La stazione di Cascina Gobba è una stazione della linea M2 della metropolitana di Milano. Prende il nome dalla Cascina Gobba, una piccola località rurale posta nei pressi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione venne attivata il 5 maggio 1968, come parte del primo tratto delle linee celeri dell'Adda, che andava da questa stazione a Gorgonzola[1]. Secondo il progetto delle linee celeri l’edificio attuale sostituì la vecchia stazione tranviaria situata al termine di Via Padova e risalente al 1879; presumendo una linea di continuità fra i due impianti si può considerare Cascina Gobba la più antica stazione non ferroviaria del trasporto pubblico milanese.

Inizialmente la stazione (così come l'intera linea) era servita esclusivamente dai tram per Vaprio e per Cassano; dal 28 settembre 1969 la tratta urbana fu servita anche dai treni della linea 2 della metropolitana, della quale Cascina Gobba (ultima stazione nel territorio di Milano) divenne capolinea[2][3].

L'esercizio tranviario sulle linee celeri dell'Adda continuò fino al 4 dicembre 1972, quando venne sostituito dall'esercizio metropolitano; pertanto da tale data la stazione di Cascina Gobba fu servita esclusivamente dai convogli metropolitani[4].

Dal 7 giugno 1981, con l'attivazione della diramazione per Cologno Monzese, divenne stazione di diramazione[5], ma non perse il ruolo di capolinea, in quanto ancora alcune corse vengono qui limitate durante le ore di morbida.

Dal 1999 la stazione è un nodo di interscambio con la metropolitana automatica (MeLA) da e per l'ospedale San Raffaele.

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è situata in via Padova, all'altezza dell'antica Cascina Gobba, all'interno del territorio del comune di Milano. È posta su di un viadotto lungo circa 290 m che scavalca via Rizzoli, il fiume Lambro, la tangenziale e la SS 11[6][7]. È la più grande stazione in viadotto della rete metropolitana, avendo un'area complessiva di 3600 mq, l'atrio di 900 mq, il fronte di 92 mq[8].

Il viadotto si compone di due viadotti paralleli ospitanti 2 binari ciascuno, ognuno largo 8.78 m e con campate di luce di 15 m[7]. L'edificio di stazione prende complessivamente 6 campate (90 m) con 3 banchine, la luce sul Lambro è di 28.60 m con travate in cemento armato precompresso, fra le prime applicazioni in Italia[7]. Sotto i binari è presente un mezzanino che ospita i locali tecnici e per il pubblico[9].

La stazione è situata all'interno dell'area urbana della metropolitana milanese ed è l'ultima stazione in cui vale il biglietto ordinario urbano.

Cascina Gobba è l'unica stazione della metropolitana milanese a quattro binari. Precedentemente, anche nella stazione di Garibaldi FS della linea M2 erano presenti quattro binari: uno è stato rimosso e un altro è inutilizzato; così pure nella stazione di Gorgonzola.

Sul binario 1 fermano i treni diretti a Cologno Nord e Gessate, sul binario 2 i treni che fanno capolinea, sui binari 3 e 4 fermano i treni diretti ad Abbiategrasso e Assago Forum.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di:

  • Feature ticket office inv 2.svg Biglietteria automatica

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione permette i seguenti interscambi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cornolò, p. 311.
  2. ^ In funzione da ieri la linea 2 del metrò, in Corriere della Sera, Milano, 28 settembre 1969.
  3. ^ Cornolò, p. 318.
  4. ^ Cornolò, p. 320.
  5. ^ Metropolitana Milanese S.p.A., Situazione lavori al 30-6-1981, 1981.
  6. ^ Marini, p. 346.
  7. ^ a b c Cornolò, p. 282.
  8. ^ Ceron/Farné, p. 1015.
  9. ^ Cornolò, p. 283.
  10. ^ Cornolò, pp. 282-283.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Ceron, Sergio Farné, La progettazione e la costruzione delle Linee Celeri dell'Adda, in "Ingegneria Ferroviaria", novembre 1995, pp. 1001–1022.
  • Giovanni Cornolò, Fuori porta in tram. Le Tranvie extraurbane milanesi 1876-1980, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1980, ISBN non esistente, SBN IT\ICCU\SBL\0312057.
  • Giorgio Meregalli, Gli impianti ferroviari della linea 2 della Metropolitana di Milano, in "Ingegneria Ferroviaria", maggio 1971, pp. 469–492.
  • Renzo Marini, Le ferrovie dell'Adda, in "Ingegneria Ferroviaria", aprile 1968, pp. 345–348.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Capolinea Fermata precedente Milano linea M2.svg Fermata successiva Capolinea
Gessate
Cologno Nord
TriangleArrow-Left.svg Vimodrone
Cologno Sud
Pfeil links.svg Cascina Gobba Pfeil rechts.svg Crescenzago TriangleArrow-Right.svg Piazza Abbiategrasso
Assago Milanofiori Forum