Casa museo di Giorgio de Chirico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa museo di Giorgio de Chirico
Giorgio de Chirico House Museum.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàRoma
IndirizzoPiazza di Spagna 31, Palazzetto Borgognoni
Caratteristiche
TipoCasa museo - Arte
Istituzione1998
FondatoriLa vedova di G. De Chirico
Apertura1998
Sito web

Coordinate: 41°54′19.94″N 12°28′57.03″E / 41.90554°N 12.482509°E41.90554; 12.482509

La Casa Museo di Giorgio de Chirico è sita nel Palazzetto del Borgognoni in Piazza di Spagna 31 a Roma.

Il museo è visitabile solamente su prenotazione. Il museo è chiuso il lunedì e la domenica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa, originaria del XVI secolo fu acquistata da de Chirico nel 1948.[1] Ospitò la casa di famiglia del pittore, nonché il suo studio di lavoro.

Il museo fu inaugurato nel 1998 con la volontà della vedova del pittore di salvaguardare il patrimonio artistico del pittore.[2]

Struttura del museo[modifica | modifica wikitesto]

Il museo ospita molti dipinti della fondazione Giorgio e Isa de Chirico.[1]

Tra le opere esposte:

  • Interno metafisico con nudo anatomico, 1968
  • Il meditatore, 1971
  • Sole su cavalletto, 1972
  • Due cavalli in riva al mare, 1964
  • Autoritratto di de Chirico, 1953
  • Donna in riposo, 1936
  • Naiadi al bagno, 1955
  • Riposo del Gladiatore, 1968
  • Orfeo trovatore stanco, 1970
  • Ritratto di Isa con testa di Minerva, 1944
  • Bagnanti, 1945
  • Frutta con busto di Apollo, 1973
  • Interno metafisico con biscotti, 1968
  • Il rimorso di Oreste, 1969
  • Bagni misteriosi, 1973
  • L'anniversario del principe, 1973
  • Triangolo metafisico, 1958
  • Pianto d'amore (Ettore e Andromaca), 1974
  • Le maschere, 1973[3]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma A.svg È raggiungibile dalla stazione Spagna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Info dal sito.
  2. ^ Info dal sito Archiviato il 3 agosto 2009 in Internet Archive..
  3. ^ Info dal sito Archiviato il 15 luglio 2011 in Internet Archive..

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143529839 · LCCN (ENnr99015747