Casa Bianca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Casa bianca)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Casa Bianca (disambigua).
Casa Bianca
Residenza ufficiale del Presidente degli Stati Uniti d'America
White House north and south sides.jpg
Facciata settentrionale (in alto) e meridionale (in basso) della Casa Bianca
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
LocalitàWashington
Indirizzo1600 Pennsylvania Ave NW, Washington, DC 20500,
Stati Uniti d'America
Coordinate38°53′51.61″N 77°02′11.58″W / 38.897669°N 77.03655°W38.897669; -77.03655Coordinate: 38°53′51.61″N 77°02′11.58″W / 38.897669°N 77.03655°W38.897669; -77.03655
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1792 - 1800
Inaugurazione1º novembre 1800
Distruzione1814
Ricostruzione1815 - 1817
StilePalladianesimo,
Architettura neoclassica
UsoResidenza ufficiale del Presidente degli Stati Uniti d'America
Altezza22 m circa
Piani4
Area calpestabile5100 m² circa
Realizzazione
ArchitettoJames Hoban
ProprietarioStati Uniti d'America

La Casa Bianca (in inglese White House) è la residenza ufficiale del presidente degli Stati Uniti d'America, sede della presidenza stessa. Si trova a 1600 Pennsylvania Avenue a Washington, DC ed è stata la residenza di ogni presidente degli Stati Uniti da John Adams in poi. Il termine "Casa Bianca" è spesso usato per metonimia per riferirsi agli uffici del presidente e dei suoi consiglieri.

Insieme alla Blair House, adibita a ospitare le delegazioni in visita di Stato, e al Number One Observatory Circle, che funge da residenza per il vicepresidente degli Stati Uniti, è una delle tre residenze più importanti in Washington D.C.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Facciata nord della Casa Bianca

Il francese Pierre L'Enfant progettò la città di Washington DC come una grande scacchiera, il cui fulcro era l'Executive Mansion, l'attuale Casa Bianca, collegata con un viale di 120 metri alla sede del Congresso, il Campidoglio. Entrambe le costruzioni furono abbozzate dal francese, che però venne rimosso dall'incarico. Vincitore del concorso che venne subito bandito fu James Hoban, che progettò una sontuosa villa il cui tema principale era la forma ovale dei due saloni e un ordinato stile neoclassico, di ispirazione inglese.

Giudicata enorme (Thomas Jefferson, che sarà in seguito il suo secondo inquilino, la criticò così: "[...] non è necessaria una casa grande abbastanza per due Imperatori, un Papa e un Dalai Lama") e nonostante i costi più alti del previsto, la costruzione fu comunque realizzata, seppur privata dei portici e del terzo piano.

George Washington morì durante il completamento del tetto e la casa venne inaugurata nel 1800. Quando venne eletto Thomas Jefferson, nel novembre del 1800, fu proprio lui a richiedere ulteriori ingrandimenti e abbellimenti, come i porticati agli ingressi Nord e Sud e le ali Est ed Ovest, oltre a serre e gabbie per orsi bianchi, doni di esploratori, tutti progettati dall'americano Benjamin Latrobe. Sempre nel periodo del suo mandato furono anche arredati gli appartamenti con mobili francesi.

Tutto fu di breve durata perché nel 1814, durante la guerra anglo-americana, l'Executive Mansion venne data alle fiamme dalle truppe inglesi. L'incendio risparmiò solamente le pareti esterne, anche quelle malandate. Venne richiamato Hoban, che restaurò sommariamente la Casa Bianca, termine che stava diventando di uso comune, giusto in tempo per venire letteralmente demolita negli interni da migliaia di simpatizzanti del presidente Andrew Jackson nel 1829.

Ristrutturata nel corso degli anni, la Casa Bianca vide l'avvicendarsi di presidenti come James Monroe, William Henry Harrison, Abraham Lincoln, Millard Fillmore, la cui moglie iniziò la Biblioteca presidenziale, e infine Chester A. Arthur, che, non volendo mettere piede nella "baracca", ne comandò la totale ristrutturazione che venne continuata anche dai suoi successori.

Nel XX secolo il presidente Franklin Delano Roosevelt commissionò un importante ammodernamento di pavimenti, solette e strutture che migliorò l'abitabilità della famiglia presidenziale. Tuttavia. dopo l'elezione di Harry S. Truman, nel 1945, la Casa Bianca venne completamente ricostruita, ad eccezione delle mura perimetrali esterne, riportandola ai progetti neoclassici di Latrobe e Hoban. Durante questo periodo l'amministrazione Truman si dovette trasferire a Blair House che fino ad allora era stata utilizzata per ospitare le delegazioni di altri paesi in visita ufficiale. Durante l'amministrazione Eisenhower fu introdotto l'uso del Marine One sui giardini della Casa Bianca. Durante l'amministrazione Kennedy le stanze furono completamente riarredate con nuovi mobili e pezzi d'arte.

Ogni presidente ha a disposizione 100.000$ per modificare elementi strutturali della residenza. Inoltre il presidente può arredare le stanze private e i propri uffici a suo piacimento e aggiungere nuovi spazi. Per esempio, il presidente Obama ha fatto costruire un campo da pallacanestro.


Il portico nord della Casa Bianca rispetto alla Leinster House

Primo utilizzo, incendio del 1814 e ricostruzione[modifica | modifica wikitesto]

Sabato 1 novembre 1800, John Adams divenne il primo presidente a risiedere nell'edificio. Il giorno dopo scrisse a sua moglie Abigail: "Prego il cielo di conferire le migliori benedizioni a questa casa e tutto ciò che in seguito la abiterà. Possano solo uomini onesti e saggi governare sotto questo tetto". Franklin D. Roosevelt aveva la benedizione di Adams scolpita nella mensola del camino nella Sala da pranzo.

Adams visse nella casa solo per un breve periodo prima che Thomas Jefferson si trasferisse nella "piacevole residenza di campagna" nel 1801. Nonostante le sue lamentele, la casa era troppo grande ("abbastanza grande per due imperatori, un papa e il grande lama nel affare"), Jefferson ha considerato come aggiungere la Casa Bianca. Con Benjamin Henry Latrobe, ha contribuito a delineare il design per il Colonnato Est e Ovest, piccole ali che aiutano a nascondere le operazioni domestiche di lavanderia, una stalla e un deposito. Oggi, i colonnati di Jefferson collegano la residenza con le ali est e ovest.

Nel 1814, durante la guerra del 1812, la Casa Bianca fu incendiata dalle truppe britanniche durante l'incendio di Washington, come rappresaglia per l'incendio di Port Dover e di altre città dell'Alto Canada; gran parte di Washington è stata colpita anche da questi incendi. Rimanevano solo le pareti esterne, che dovevano essere abbattute e in gran parte ricostruite a causa dell'indebolimento del fuoco e della successiva esposizione agli elementi, ad eccezione delle porzioni della parete sud. Dei numerosi oggetti presi dalla Casa Bianca quando fu saccheggiata dalle truppe britanniche, solo due sono stati recuperati. Dipendenti e schiavi hanno salvato un dipinto di George Washington, e nel 1939, un canadese restituì una scatola di gioielli al presidente Franklin D. Roosevelt, sostenendo che suo nonno l'aveva presa da Washington. Alcuni osservatori affermano che la maggior parte di queste spoglie vennero perse quando un convoglio di navi britanniche guidate da HMS Fantome affondò in rotta per Halifax.

Dopo l'incendio, il presidente James Madison risiedette nella casa dell'Ottagono dal 1814 al 1815, e poi nei Sette edifici dal 1815 alla fine del suo mandato. Nel frattempo, sia l'architetto Benjamin Henry Latrobe che Hoban contribuirono alla progettazione e alla supervisione della ricostruzione, che durò dal 1815 al 1817. Il portico sud fu costruito nel 1824 durante l'amministrazione James Monroe; il portico nord fu costruito sei anni dopo. Sebbene Latrobe abbia proposto portici simili prima dell'incendio del 1814, entrambi i portici furono costruiti come progettato da Hoban.

Il restauro di Jacqueline Kennedy[modifica | modifica wikitesto]

La sala rossa progettata da Stéphane Boudin durante la presidenza di John F. Kennedy

Jacqueline Kennedy, moglie del presidente John F. Kennedy (1961-1963), diresse una ristrutturazione molto ampia e storica della casa. Ha chiesto l'aiuto di Henry Francis du Pont del Museo di Winterthur per collaborare alla raccolta di manufatti per la dimora, molti dei quali erano stati ospitati una volta. Altri oggetti d'antiquariato, raffinati dipinti e miglioramenti del periodo Kennedy furono donati alla Casa Bianca da ricchi filantropi, tra cui la famiglia Crowninshield, Jane Engelhard, Jayne Wrightsman e la famiglia Oppenheimer.

Stéphane Boudin della House of Jansen, una società di interior design di Parigi che era stata riconosciuta in tutto il mondo, è stata impiegata da Jacqueline Kennedy per aiutare con la decorazione. Diversi periodi della prima repubblica e della storia mondiale sono stati scelti come tema per ogni stanza: lo stile federale per la Green Room, l'Impero francese per la Blue Room, l'Impero americano per la Red Room, Luigi XVI per la Yellow Oval Room e vittoriano per lo studio del presidente, ribattezzato Sala del Trattato. Sono stati acquisiti mobili antichi e sono stati prodotti e installati tessuti decorativi e finiture basate su documenti d'epoca. Il restauro Kennedy ha portato a una Casa Bianca più autentica di grande statura, che ha ricordato il gusto francese di Madison e Monroe. Nella sala di accoglienza diplomatica, la signora Kennedy ha installato un'antica carta da parati "Vue de l'Amérique Nord" che Zuber & Cie aveva progettato nel 1834. La carta da parati era stata precedentemente appesa alle pareti di un'altra dimora fino al 1961, quando quella casa era demolito per un negozio di alimentari. Poco prima della demolizione, la carta da parati è stata recuperata e venduta alla Casa Bianca.

La prima guida della Casa Bianca è stata prodotta sotto la direzione della curatrice Lorraine Waxman Pearce con la supervisione diretta della signora Kennedy. La vendita della guida ha contribuito a finanziare il restauro.

Kennedy mostrò il suo restauro della Casa Bianca al pubblico in un tour televisivo della casa a San Valentino nel 1962.


Il complesso e la casa della Casa Bianca, visti da nord con il fiume Potomac, il Jefferson Memorial e il monumento a Washington a sud

Nel settembre 1961 il Congresso emanò una legge che dichiarava la Casa Bianca un museo. Mobili, infissi e arti decorative potevano ora essere dichiarati storici o di interesse artistico dal presidente. Ciò ha impedito loro di essere venduti (come molti oggetti nella villa dei dirigenti erano stati negli ultimi 150 anni). Quando non venivano utilizzati o esposti alla Casa Bianca, questi oggetti dovevano essere consegnati alla Smithsonian Institution per la conservazione, lo studio, lo stoccaggio o l'esposizione. La Casa Bianca si riserva il diritto di restituire questi articoli.

Per rispetto del carattere storico della Casa Bianca, dalla ristrutturazione di Truman non sono state apportate modifiche sostanziali all'architettura della casa. Dopo il restauro di Kennedy, ogni famiglia presidenziale ha apportato alcune modifiche ai quartieri privati della Casa Bianca, ma il Comitato per la conservazione della Casa Bianca deve approvare qualsiasi modifica alle Sale di Stato. Incaricato di mantenere l'integrità storica della Casa Bianca, il comitato del Congresso autorizzato lavora con ciascuna Prima Famiglia - di solito rappresentata dalla first lady, dal curatore della Casa Bianca e dal capo usciere - per attuare le proposte della famiglia di modificare la casa.

Durante l'amministrazione Nixon (1969-1974), la First Lady Pat Nixon ristrutturò la Green Room, la Blue Room e la Red Room, lavorando con Clement Conger, il curatore nominato dal presidente Richard Nixon. Gli sforzi della signora Nixon portarono a casa più di 600 manufatti, la più grande acquisizione da parte di qualsiasi amministrazione. Suo marito ha creato la moderna sala riunioni per la stampa sulla vecchia piscina di Franklin Roosevelt. Nixon ha anche aggiunto una pista da bowling a una corsia al seminterrato della Casa Bianca.

I computer e la prima stampante laser furono aggiunti durante l'amministrazione Carter e l'uso della tecnologia informatica fu ampliato durante l'amministrazione Reagan. Un'innovazione dell'era Carter, una serie di pannelli solari per il riscaldamento dell'acqua montati sul tetto della Casa Bianca, fu rimossa durante la presidenza di Reagan. Le ristrutturazioni furono fatte ai quartieri familiari privati e la manutenzione fu fatta nelle aree pubbliche durante gli anni di Reagan. La casa è stata accreditata come museo nel 1988.

Nel 2003 l'amministrazione Bush ha reinstallato i riscaldatori solari termici. Queste unità sono utilizzate per riscaldare l'acqua per il personale addetto alla manutenzione del paesaggio e per la piscina presidenziale e la spa. 167 pannelli solari fotovoltaici legati alla griglia sono stati installati contemporaneamente sul tetto dell'impianto di manutenzione. I cambiamenti non sono stati resi pubblici in quanto una portavoce della Casa Bianca ha affermato che i cambiamenti erano una questione interna. La storia è stata ripresa dalle riviste del settore. Nel 2013, il presidente Barack Obama aveva installato una serie di pannelli solari sul tetto della Casa Bianca, rendendolo la prima volta che l'energia solare sarebbe stata utilizzata per gli alloggi del presidente.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Comprende un complesso architettonico il cui centro è un palazzo bianco di stile neoclassico situato al numero 1600 della Pennsylvania Avenue NW, Washington, e si estende su una superficie di 6.100 m² (o 5.100 m²).[1] La Casa Bianca conta 132 stanze.

Costruita sulle orme dello stile palladiano, la villa si presenta come un grande parallelepipedo appoggiato sulla base lunga, con al centro due piccoli bracci costituiti dai porticati degli ingressi nord e sud. Le ali laterali sono visibili solo dall'ingresso sud. Due ordini di finestre, al piano terra con cornici di gusto rinascimentale, quelle del piano nobile semplici ed eleganti nello stesso tempo.

Tra una finestra e l'altra dell'intero edificio sono presenti eleganti lesene ioniche. Il tetto è contornato da un'elegante balaustra. L'ingresso nord presenta un alto pronao sorretto da otto snelle colonne ioniche con frontone triangolare. Il lato sud presenta una forma absidale che segue le forme interne della famosa Blue Room. Lo Studio Ovale del presidente si trova nella West Wing della Casa Bianca. L'aspetto esterno nel complesso è di un edificio imponente, ma leggero. Gli interni sono nel complesso eleganti, ma non ricchi di decorazioni come i contemporanei palazzi europei, sottolineando che si tratta di una residenza presidenziale.

Inoltre voci non confermate attestano che sotto la residenza presidenziale si trovi una rete di stanze sotterranee, molto lussuose, che servirebbero al presidente e al suo staff da rifugio in caso di emergenza.

Oggi il gruppo di edifici che ospita la presidenza è noto come il complesso della Casa Bianca. Comprende la Executive Residence centrale affiancata dall'East Wing e dalla West Wing. Il capo usciere coordina le operazioni domestiche quotidiane. La Casa Bianca comprende: sei piani e 5.100 m 2 di superficie, 132 stanze e 35 bagni, 412 porte, 147 finestre, ventotto caminetti, otto scale, tre ascensori, cinque chef a tempo pieno, un campo da tennis, una pista da bowling (a una corsia), un cinema (ufficialmente chiamato White House Family Theater), una pista da jogging, una piscina e un putting green. Riceve fino a 30.000 visitatori ogni settimana.


L'albero natalizio della Casa Bianca[modifica | modifica wikitesto]

L'albero della Casa Bianca nel Natale 1995

All'interno della Casa Bianca durante le festività natalizie viene realizzato un grande albero natalizio, che diviene l'albero ufficiale della Presidenza degli Stati Uniti d'America.

Ancora oggi molto dibattuta è la questione su quale sia stato il primo albero natalizio addobbato all'interno della Casa Bianca: alcuni sostengono che il primo Presidente a realizzarlo fu Franklin Pierce tra il 1853 ed il 1856, mentre altri asseriscono che il primo albero fu presente sotto la presidenza di Benjamin Harrison tra il 1888 ed il 1891[1].

Nel 1929 la First Lady Lou Henry Hoover inaugurò la tradizione che prevede, tra i compiti della First Lady, anche quello di addobbare personalmente l'albero natalizio della casa presidenziale. Dopo aver prescelto il tema natalizio a cui ispirarsi, la First Lady rilascia un comunicato stampa in cui spiega le ragioni della sua scelta: ad esempio, nel 2015, la First Lady Michelle Obama ha addobbato l'albero natalizio e lo ha "dedicato a tutti i membri del nostro Servizio Nazionale, ai veterani e alle loro famiglie. L'albero ha anche dei messaggi augurali di speranza per le nostre truppe, ed ha dei simboli patriottici di colore rosso, bianco e blu".

Ogni anno l'albero è selezionato tra le centinaia di aziende americane specializzate nella coltivazione di alberi natalizi, e secondo una classifica lo Stato del Nord Carolina è quello tra tutti che ha fornito più alberi presidenziali, ben 11.

Oltre all'albero principale, durante le festività natalizie quasi ogni stanza della Casa Bianca ha un suo albero di Natale e altri sono presenti nel giardino presidenziale. Nel 1997, ad esempio, ce ne erano 36[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A Christmas Reversal, in The New York Times, 25 dicembre 1994. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Kimberly Stevens, PULSE; For a Jolly Old Elf, in The New York Times, 7 dicembre 1997. URL consultato l'11 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN155235437 · LCCN (ENsh85146483 · GND (DE4331244-5 · BNF (FRcb12074919r (data) · ULAN (EN500312779 · NLA (EN49682301 · BAV (EN494/64635 · WorldCat Identities (ENviaf-155235437