Casa Pfister

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa Pfister
Maison Pfister
Maison Pfister Colmar 2011-04.jpg
Le facciate
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneFlag of Alsace.svgAlsazia
Località[[Image-Blason Colmar 68.svgColmar]]
Indirizzo11, Rue des Marchands
Coordinate48°04′36.01″N 7°21′29.99″E / 48.07667°N 7.35833°E48.07667; 7.35833Coordinate: 48°04′36.01″N 7°21′29.99″E / 48.07667°N 7.35833°E48.07667; 7.35833
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1537 e 1577
Stilerinascimentale
Monumento storico di Francia dal 1927.

La Casa Pfister, in francese Maison Pfister, è un caratteristico e storico edificio della città di Colmar, nella regione francese dell'Alsazia.

Situata al numero 11 della Rue des Marchands, anticamente chiamata Rue Mercière, costituisce il simbolo della città.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Particolare della facciata

Venne costruita nel 1537 per il cappellano di Besançon, Ludwig Scherer[1], che fece la sua fortuna col commercio dell'Argento. Sorge su un angolo della via, già sito di una casa detta zum schwarzen Hanen, "al Gallo nero", e venne poi modificata nel 1577.

È un caratteristico edificio alsaziano realizzato in pietra e legno, che si distingue per il suo erker angolare a due piani con guglia e dalla leggera balconata lignea a loggia che inquadra le due facciate. A sinistra svetta la bella torretta scalare ottagonale con copertura a bulbo.

I due fronti sono ornati da una serie di affreschi attribuiti a Christian Vacksterffer, rappresentanti la Fede e la Giustizia, imperatori germanici del XVI secolo, i Quattro Evangelisti, i Dottori della Chiesa, e Scene bibliche.

Il nome attuale della casa, "Pfister", si deve alla famiglia che l'abitò fra il 1841 e il 1892 e che provvide al suo restauro.

La Casa Pfister venne dichiarata Monumento storico di Francia il 14 marzo 1927[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Gabriel e Christophe Braeuner-Hamm: "Colmar : un itinéraire à travers l'histoire", Guide découverte, 2005, ISBN 2-913302-56-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]